VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 30 novembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
21/09/2021 - Vercelli Città - Economia

ADDIO AL PANORAMA - Chi arriva da Asigliano Vercellese e dalla Bassa non vedrà più la carcassa dell'Inceneritore - Nel revamping bruciati più soldi che rifiuti - Ha inquinato aria, acqua, terra

ADDIO AL PANORAMA - Chi arriva da Asigliano Vercellese e dalla Bassa non vedrà più la carcassa dell'Inceneritore - Nel revamping bruciati più soldi che rifiuti - Ha inquinato aria, acqua, terra

Pare proprio che ci siamo.

La carcassa del Forno di incenerimento di Via Asigliano a Vercelli, sarà demolita.

La decisione (tardiva, ma certamente positiva: comunque lo prevede la Legge, da tempo) è stata comunicata in Consiglio di Amministrazione di Atena Asm spa che, nella settimana scorsa, si è riunito anche per mettere la parola fine a questa telenovela.

Che è riassunta in modo abbastanza completo (sia concesso)

in questo articolo che porta, in allegato, anche la copia dei documenti.



Iniziatasi con l’Amministrazione di Gabriele Bagnasco che fece ai nuovi acquirenti (allora Amag Genova) il “regalo” di porre a carico del Comune la bonifica dell’area di pertinenza della “macchina”, dove si erano, negli anni, accumulate tonnellate di reliquati del processo di combustione.

I cui resti sono, peraltro, tutti finiti nel sottosuolo ed in falda.

E amen.

Restava il problema di togliere di mezzo anche il forno di incenerimento vero e proprio, che in tutti questi anni è rimasto lì in attesa che Iren (ormai il padrone di Asm Vercelli) si decidesse a fare lo sforzo economico (si saprà tra breve la spesa necessaria: il percorso è appena agli inizi).

L’impianto è fermo dal 2013,

quando l’accoppiata di ferro tra l’ex Amministratore delegato di Atena spa, il geometra gentile Eros Morandi e l’allora Sindaco di Vercelli, Andrea Corsaro, a malincuore rinunciarono all’avventura del “revamping”.

La riaccensione del forno, già fermo da tempo, costò quasi 3 milioni di euro: che furono più o meno l’unica cosa bruciata: la macchina era sempre in avaria.

***

Sembra che ci siamo: la discussione in CdA non ha lasciato incertezze, anche se non si è proceduto (e forse nemmeno si procederà in futuro) all’adozione di una deliberazione formale, in quanto - dicunt – non sarebbe necessaria: si tratta di un bene certamente di Asm, certamente doveroso lo smantellamento. Non ci sarebbe niente da decidere in termini di competenza dell’Organo Amministrativo.

Quindi il percorso amministrativo si compirà tutto all’interno della struttura aziendale, a meno che qualcuno salti su a dire che ci voglia qualche autorizzazione da parte degli Uffici Tecnici del Comune di Vercelli oppure – più probabile – di una Conferenza dei Servizi.

Ma questi sono particolari che vedrà chi se li deve vedere.

Ciò che al momento importa è che l’ecomostro abbia i giorni (si fa per dire) contati.

Cosa poi si troverà nel sedime su cui la carcassa insiste è ancora tutto un altro paio di maniche ed è meglio essere preparati a sorprese.

***

Nella stessa riunione di Consiglio di Amministrazione si è proceduto alla nomina di due “procuratori”.

Sono figure aziendali investite di molti (pieni?) poteri su incarichi specifici.

Uno di questi è l’incarico assegnato a Roberto Conte (ex Ad ed attuale Vice Presidente di Corso Palestro), per mandare avanti la pratica “pallets – trucioli”.

Si vedrà cosa deciderà il Consiglio di Stato sul ricorso presentato dalle Associazioni ambientaliste, ma se tutto dovesse passare in cavalleria, allora effettivamente Asm potrebbe dare il via all’iniziativa (un altro uppercut ambientale) appoggiata da

Andrea Corsaro e dai suoi 17 Consiglieri Comunali –

L’altro, per altri compiti gestionali, all’ex Amministratore Delegato di Atena Trading, Aillin (pronuncia: Ollin) Scotti.

Il dettaglio dei compiti di ciascun procuratore sarà presto esposto in visura camerale.

Osservatori autorevoli delle cose di Corso Palestro pensano che le due nomine siano state un modo per affiancare due “angeli custodi” al giovane e nuovo Amministratore Delegato, Andrea Beccuti, forse bisognoso di qualche aiuto.

Anche se l’interessato, presentandosi ad autorevoli vercellesi, pare non avrebbe mancato di rassicurare, dicendo di essere stato il “braccio destro” di Massimiliano Bianco.

Resta la curiosità di sapere se Bianco sia, eventualmente, mancino.

CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it