VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 24 febbraio 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
27/01/2012 - Asti - Cronaca

ALBA - Denuncia un furto nel suo bar, ma in realtà si intasca il denaro - Il reato potrebbe costargli una condanna da uno a tre anni di reclusione

ALBA - Denuncia un furto nel suo bar, ma in realtà si intasca il denaro - Il reato potrebbe costargli una condanna da uno a tre anni di reclusione
Carabiniere della Compagnia di Alba mostra la cassaforte a combinazione codificata

Un 40enne di Asti, titolare di un bar ad Alba, è stato denunciato dai Carabinieri della Compagnia di Alba alla Procura della Repubblica per simulazione di reato. Nelle scorse settimane aveva richiesto presso il suo bar l’intervento dei Carabinieri perché, all’apertura del locale di primo mattino, si era accorto che i “soliti ignoti” erano passati a fargli visita. La porta d’ingresso del bar si presentava forzata e dall’interno mancava la sola cassaforte a combinazione codificata che si trovava nei pressi del registratore di cassa ed era stata asportata dai malfattori. All’interno della cassaforte rubata il titolare asseriva vi fossero 350,00 euro in contanti corrispondenti all’incasso della sera precedente. I fatti denunciati sono risultati però totalmente falsi. L’altra sera la convivente del barista, che ha a suo carico qualche precedente penale per reati contro il patrimonio, ha richiesto l’intervento dei militari a casa sua per dissidi familiari ed i Carabinieri, durante la permanenza in quell’abitazione per acquietare gli animi dei due conviventi che litigavano, hanno visto una cassaforte appoggiata per terra in camera da letto. I militari hanno chiesto da dove provenisse quella cassaforte con apertura codificata ed il barista dava risposte evasive, veniva poi accertato trattarsi della stessa denunciata rubata nel suo locale alcune settimane prima. A quel punto il barista, messo dinanzi all’evidenza dei fatti, confessava di aver denunciato il falso e di essersi intascato lui il danaro contenuto in cassaforte per poter far fronte alle spese del suo locale. Tale simulazione costerà all’esercente molto cara dal momento che è prevista per la simulazione di reato una condanna da uno a tre anni di reclusione.    



 


                                        

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it