VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
13 November 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
01/06/2018 - Vercelli Città - Enti Locali

ANNESSIONE DEL COMUNE DI SALI, LA GIUNTA CI RIPROVA L'11 GIUGNO - D'ora in poi Consigli solo il lunedì del barbiere - Non più giovedì: solo quando il negozio di Arcangelo Roma è chiuso

ANNESSIONE DEL COMUNE DI SALI, LA GIUNTA CI RIPROVA L'11 GIUGNO - D'ora in poi Consigli solo il lunedì del barbiere - Non più giovedì: solo quando il negozio di Arcangelo Roma è chiuso
Massimo Bignardi e Carlo Truffa -

Molto chiaro, ieri 31 maggio, l’intervento di Bobo Zanoni per SiAmoVercelli, non meno di quello di Paolo Campominosi per il Gruppo Misto.

Il Consiglio Comunale non ci sta a farsi prendere in giro.

La verità non è quella presentata dai banchi della maggioranza (che di nuovo si riscopre minoranza: solo 14 voti): in fondo decidiamo solo come modificare lo Statuto per “qualsiasi” ipotesi di fusione.

No: in quattro gatti hanno deciso che Sali deve essere annessa.

Hanno convinto Emanuele Gabutti, Sindaco di Sali che è come preso tra due fuochi: ex allievo al Liceo Scientifico e Sindaco del Vicesindaco Ottavio Mezza.

E se con Gabutti l’hanno avuta facile, con i Consiglieri di Vercelli un po’ meno.

***

Dunque cosa chiedono Zanoni, Campominosi e anche quelli che ieri non c’erano, anche per manifestare che ci si può credere più furbi degli altri, finchè gli altri te lo lasciano credere?

Chiedono di sapere se dietro l’annessione di Sali ci sia un progetto con un capo e una coda: valutazione dei costi, dell’impatto sui flussi di pendolarità e residenzialità, sugli aspetti organizzativi da allestire, ma soprattutto la domanda delle domande.

Ma siamo poi sicuri che questi 2 milioni l’anno arriveranno davvero?

Oppure il progetto Sali è stato cucito frettolosamente perché due persone si sono messe d’accordo?

Non importa se poi, per i prossimi dieci anni, non si potrà pensare più a nessun’altra aggregazione con Comuni vicini?

Perché non si potrà più sperimentare null’altro?

Perché i due milioni di euro l’anno che (forse) arriveranno, sono il massimo che un Comune può ricevere dallo Stato.

Non è che, ad esempio, se domani volesse venire Lignana, arriverebbero altri due milioni.

Lignana verrebbe gratis.

***

Ma c’è fregola.

La fregola di andare avanti comunque.

Non è che gliene importi poi molto – questa è la sensazione dopo il Consiglio di ieri – dei due milioni di euro.

E’ che nel loro immaginario c’è la convinzione di poter dire agli elettori del maggio 2019, quando si presenterà comunque un candidato del Centrosinistra: guardate come siamo stati bravi, abbiamo portato a casa tutti questi soldi.

***

Sicchè, finita la riunione del Consiglio Comunale, mentre già era in corso – attovagliati alla Fattoria - l’operazione di recupero dei dissidenti della maggioranza (a sorpresa 4 astenuti: sorpresa solo per il sagace Segretario Provinciale e Cittadino del Pd, Michele Gaietta) subito i Capigruppo si sono radunati per dire: nuovo Consiglio l’11 giugno prossimo.

Perché?

Intanto:  perché di lunedì?

Perché bisogna sapere che da ieri è subentrato ad Emanuele Caradonna (diventato Assessore) il Consigliere Arcangelo Roma.

 

Roma al centro tra Tini Brunozzi e Manzini

E siccome il Consigliere Roma fa il barbiere, d’ora in poi i Consigli Comunali si dovranno tenere di lunedì.

Possibile?

Possibile.

L’11 giugno anche perché bisogna che il referendum sia fatto il 7 ottobre.

E allora se avevano già deciso anche la data del referendum cosa raccontano a fare che tutto il progetto dev’essere costruito insieme, condiviso con le Opposizioni, elaborato con studi di fattibilità sensati?

Vanno avanti allegri e frementi.

Bisognerà vedere quali nuovi conigli tireranno fuori dal cappello.

Bisognerà vedere come reagiranno le Opposizioni, quali nuovi argomenti potrà tirare fuori la maggioranza.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it