VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
21 November 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
04/11/2017 - Vercelli Città - Mondi Vitali

APERTURA ANGOLARE - La rubrica sulla Pro di Enrico De Maria - Ecco il giorno del derby - Contro il Novara al Piola una gara carica di molti significati

APERTURA ANGOLARE - La rubrica sulla Pro di Enrico De Maria - Ecco il giorno del derby - Contro il Novara al Piola una gara carica di molti significati
Arbitro Sacchi


( edm ) - Ed ecco il giorno del derby, forse mai carico come quello odierno di tanti significati per la Pro.

 

Innanzitutto, anche se non ancora drammatica, fa paura la classifica, con la squadra isolata all’ultimo posto: dieci punti in dodici gare sono una cruda realtà, già all’apparenza senza rimedio, non fosse che c’è ancora gran parte di cammino da percorrere e che tutte le altre sono pur sempre a portata di aggancio.

 

Poi c’è il futuro d Grassadonia che è appeso al risultato odierno: la sua conduzione della squadra con il Foggia ha lasciato e non poco a desiderare e un nuovo rovescio al “Piola” di Novara significherebbe per l‘allenatore salernitano assai probabilmente il capolinea.

 

Analizzando la partita con il Foggia, Grassadonia non ha parlato del caso-Vives, ma ha sottolineato, pur senza polemizzare eccessivamente, gli errori determinanti dell’arbitro del signor Rs di Treviso (e qui siamo totalmente con lui) e il fatto che a suo avviso la sua squadra, nonostante il sonoro passivo, avesse tutto sommato giocato bene.

 

Se analizziamo con obiettività le ultime gare, dobbiamo osservare che la Pro ha deluso, e totalmente, ad Avellino, e anche che, prima dell’infelice gara del Partenio, stava invece venendo fuori e proprio grazie all’allenatore che era riuscito a conferirle fiducia e identità.

 

Purtroppo alla sconfitta di Avellino è seguita quella interna contro la squadra di Stroppa, e la legge del calcio è impietosa: Grassadonia oggi rischia forte, per non dire tutto, e lui stesso lo sa benissimo.

 

Per sopramercato, la Pro va oggi a Novara in formazione d’emergenza perché non potrà di nuovo contare su Bergamelli e avrà, purtroppo, Konatè fuori per il cervellotico rosso rifilatogli dal signor da Ros sull’azione del rigore.

 

E visto che Jidayi continua ad essere indisponibile, in difesa sono guai seri.

 

Grassadonia si ritrova a poter contare sul giovane Bruno (che con il Foggia ha commesso l’errore fatale del 2 a 1 per i rossonero) oppure sulla prospettiva di dover arretrare Vives al centro della difesa.

 

Come se non bastasse, all’assenza forzata di Rovini,si aggiunge la contrattura di cui è rimasto vittima Vajushi.

 

Morale: siamo in piena emergenza.

 

Tuttavia, questa squadra, ne siamo convinti, darà tutto oggi per non deludere ulteriormente i tifosi che, tutto sommato, andranno a seguirla in forze all’ombra di San Gaidenzio. Ben sette sono i punti che ci separano dagli azzurri di Corini, punti che Vives e compagni devono assolutamente riuscire a ridurre a quattro.

 

Non sarà facile, ma anche oggi siamo al discorso del Piave.

 

A Novara non si vince da e diciassette anni, quando due gol di Fogli e Mirabelli ci mandarono in estasi: era il 5 novembre del 2000.

 

Riproviamoci e, d’un colpo, manderemo in soffitta recriminazioni, incubi e streghe.

 

Si gioca alle 15, agli ordini del signor Sacchi di Macerata.

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it