VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 12 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
13/12/2010 - Cuneo - Economia

CANONE ACQUA: LA REGIONE PROROGA L’ENTRATA IN VIGORE DELL’AUMENTO ALLE IMPRESE

CANONE ACQUA: LA REGIONE PROROGA L’ENTRATA IN VIGORE DELL’AUMENTO ALLE IMPRESE
Acqua

Grazie anche alla positiva azione di rappresentanza condotta da Confindustria Cuneo, per il secondo anno consecutivo la Regione Piemonte ha posticipato l’entrata in vigore dell’aumento del canone per il prelievo di acqua destinata a consumo umano e utilizzata per altri scopi. La Regione ha infatti accolto la sollecitazione di Confindustria e ha provveduto a modificare nuovamente il Regolamento 15/R del 2004, prorogando al 2012 l’entrata in vigore dell’applicazione.



Un bel sollievo per le nostre aziende – spiegano da Confindustria Cuneo - in un periodo di crisi la cui onda lunga continua a farsi sentire”. Secondo il Regolamento Regionale 15/R del 2004, la triplicazione del canone sarebbe dovuta avvenire a partire già da gennaio 2010, con effetti su circa 800 utenze in tutto il Piemonte; di queste, solo la metà sono in provincia di Cuneo e 200 risultano essere industrie. Il provvedimento regionale è datato 2004. Da allora era stato dato alle imprese il tempo per realizzare quegli interventi che avrebbero dovuto permettere una migliore ottimizzazione e valorizzazione dell’utilizzo dell’acqua prelevata in falda profonda. Anche grazie alle sollecitazioni di Confindustria Piemonte e all’interessamento della presidente della Provincia Gianna Gancia, la Regione ha approvato il 30 novembre il decreto n.19/R (pubblicato con procedura d'urgenza sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 2 dicembre) del presidente della Giunta che modifica il Regolamento 15/R, posticipando ulteriormente la triplicazione a gennaio 2012. Anche per l'anno 2011, dunque, alle imprese non sarà applicata alcuna maggiorazione.


Molte sono le aziende che sfruttano l’acqua dei pozzi - spiega Daniele Bertolotti, responsabile dell’ufficio Sicurezza e Ambiente di Confindustria Cuneo –, per queste il canone minimo varia oggi tra i 300 e i 2.000 euro, ma molte superano le portate minime prelevate arrivando a pagare anche 20.000 euro l’anno: in questi casi la triplicazione sarebbe stata un onere troppo pesante”.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it