VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 25 ottobre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
11/01/2016 - Vercelli Città - Enti Locali

CLASSIFICA DE "IL SOLE 24ORE" - Maura Forte tra i Sindaci più popolari - Terza in Piemonte, 33.ma in Italia - Nonostante: i Tecnici apparenti che fanno danni, l’abbandono del Rialto, le scempiaggini del Pd e di certi Assessori -

CLASSIFICA DE "IL SOLE 24ORE" - Maura Forte tra i Sindaci più popolari - Terza in Piemonte, 33.ma in Italia -  Nonostante: i Tecnici apparenti che fanno danni, l’abbandono del Rialto, le scempiaggini del Pd e di certi Assessori -

Incuranti (quasi) delle beghe palatine, i vercellesi confermano la fiducia al Sindaco Maura Forte che nella classifica sulla governance locale compilata da “Il Sole 24Ore” anche quest’anno si conquista il terzo posto tra i Sindaci del Piemonte (dopo Piero Fassino a Torino e Silvia Marchiorini di Verbania) quanto a gradimento presso l’opinione pubblica (in jpg l’allegato a fondo pagina).

C’è un lieve calo di popolarità, dal 59 per cento dell'anno scorso al 55,7 di quest’anno (33.mo posto assoluto a livello nazionale, a pari merito con il Sindaco di Belluno, su 107 posizioni, tanti quanti sono i Sindaci dei Capoluoghi di provincia).

Un calo di tre punti.

I dati non sono tra loro comparabili, ma c’è da dire che l’anno prima la Giunta era ancora sostenuta dall’alleato del ballottaggio, SiAmoVercelli.

Perciò non è del tutto fuori luogo dire che l’uscita del Rialto dalla maggioranza (con le bordate mediatiche conseguenti) non ha prodotto drastici cali di consenso.

Molto più negativa per la popolarità del Primo Cittadino è stata la serie di bestialità messa in campo dal Pd, il partito di appartenenza del Sindaco, la debolezza penosa di tanta parte della compagine di Giunta e, ultima ma non certo per importanza, la difficoltà di governare una macchina comunale dove la dirigenza può commettere qualsiasi errore che tanto non paga mai, anzi pagano i politici.

Per basso che sia il profilo di alcuni Assessori, non va infatti dimenticato che alcune degli atti più gravi che hanno avuto conseguenze peggiori in termini di immagine per la figura degli Amministratori e quindi del Sindaco sono opera dei cosiddetti Tecnici.

Basti pensare alla chiusura della Mensa peri poveri a Natale: un prodotto tutto fatto a mano dalla autoreferenziale burocrate Luciana Berruto.

Responsabile, anche, della recente crisi sulle ore di assistenza ai disabili tolte ad un Istituto scolastico cittadino.

Vibrate, naturalmente, le proteste, che però non hanno puntato sui veri responsabili della questione, ma hanno preso di mira ovviamente l’amministrazione.

Per dire ancora della recentissima surreale serie di deliberazioni e determine a firma Liliana Patriarca con le dazioni di denaro a MecenateAlContrario.

Ma sono solo le ultime.

***

E’ una cosa – quest’altra di cui ci aggiungiamo a parlare – un po’ tecnica, ma vale la pena di citarla chiedendo al Lettore qualche supplemento di attenzione per dire in che razza di difficoltà quotidiane si barcamenino i (pur non brillanti) politici, “aiutati” da certi Tecnici  apparenti.

Come si saprà nello scorso Consiglio Comunale (gravato anche da assenze per malattia) si è paventato il rischio che la maggioranza (in seconda convocazione) non fosse autosufficiente per votare la fusione di Atena.

Alcuni Tecnici apparenti si sarebbero infatti incaponiti affermando che occorrano almeno 14 Consiglieri presenti per garantire (ed è onere della maggioranza) il numero legale e quindi l’efficacia delle deliberazioni.

Ebbene, attenzione al problema.

Lo Statuto del Comune dice che in seconda convocazione la seduta è valida con la presenza di un terzo dei Consiglieri.

Lo Statuto è l’atto fondamentale e sovraordinato a qualsiasi altro (interno) che regola la vita del Comune.

La Legge dello Stato, recentemente, ha portato da 41a 33 il numero dei Consiglieri.

Quindi, un terzo di 33 è 11.

Ma siccome il Regolamento del Consiglio (redatto “in conformità” allo Statuto) è quello vecchio, porta ancora il numero  - a proposito di seconda convocazione – di 14 Consiglieri, che sono appunto un terzo di 41, l’originaria composizione dell’Assemblea.

Ebbene, nonostante sia chiaro a chiunque che in un caso del genere prevale la Legge Nazionale e poi lo Statuto, per stare dalla parte dei bottoni e non prendersi nessuna responsabilità certi tecnici apparenti pare abbiano consigliato i politici di attenersi al numero di 14 anziché 11.

Intanto a loro cosa gliene importa.

Figuriamoci, poi, prendere l’iniziativa per adeguare il regolamento alla mutata normativa nazionale, dovrebbe essere un compito d’ufficio.

Tanto più ovvio, quanto si considerasse la controprova: se la Legge avesse ridotto invece che a 30 a 20 il numero dei Consiglieri, per assurdo per riunirsi in seconda convocazione sarebbe stata – secondo certi Tecnici apparenti – necessaria una maggioranza paradossalmente più ampia che non in prima (la metà più uno, cioè 11).

E se, per effetto dei consigli e dei pareri di certi Tecnici apparenti il Consiglio non avesse potuto deliberare la fusione e si fosse presentato un nuovo problema politico, con tanto di figure fecali, ai Tecnici apparenti e costosi, cosa gliene sarebbe importato?!

Con amici così, che bisogno ha ancora Maura Forte di nemici?

Però, comunque la sua popolarità tiene.

VercelliOggi. it è e sarà sempre gratuito.
Per effettuare una donazione clicca:
http://www. vercellioggi. it/donazioni. asp
Commenta la notizia su https://www. facebook. com/groups/vercellioggi  
per leggere e commentare 
anche le principali notizie del Piemonte: https://www.facebook.com/VercelliOggiit-1085953941428506/?fref=ts

Su Twitter con @vercellioggi

 

CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it