VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 7 dicembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
20/01/2012 - Asti - Cronaca

CORTEMILIA - Titolare di un bar per far fronte alle spese d’affitto e di gestione simula un furto notturno ai danni del suo locale poi toglie i sigilli e si impossessa di altri soldi - Smascherato dai Carabinieri di Alba

CORTEMILIA - Titolare di un bar per far fronte alle spese d’affitto e di gestione simula un furto notturno ai danni del suo locale poi toglie i sigilli e si impossessa di altri soldi - Smascherato dai Carabinieri di Alba

Dovrà rispondere di una serie di gravi reati un 25enne pregiudicato di Canelli (Asti) denunciato dai Carabinieri della Stazione di Cortemilia alla Procura della Repubblica di Alba, che per circa due anni è stato il titolare di un bar in paese, per simulazione di reato, furto, danneggiamento, sottrazione di cose sottoposte a sequestro e violazione di sigilli. Gli affari in quel bar negli ultimi tempi non andavano affatto bene. Bassi incassi, spese d’affitto e di gestione del locale insostenibili, l’unico settore trainante era quello delle giocate ai videopoker e slot-machine installate nel bar. Lui allora, ormai sull’orlo del fallimento e prima di chiudere definitivamente, ha pensato di simulare un furto notturno ai danni del suo locale impossessandosi di oltre 7 mila euro in contanti dalle macchinette da gioco. Ha poi richiesto l’intervento dei Carabinieri ed ha presentato regolare denuncia in caserma. I militari si sono però subito insospettiti per quel furto anomalo dal momento che i danni arrecati alla porta d’ingresso del locale erano stati minimi ed anche i videopoker erano stati scassinati in modo quasi “chirurgico” e non come solitamente avviene con danni più rilevanti, tanto che il mattino seguente erano già in funzione. Nei giorni successivi la Guardia di Finanza di Alba, durante una verifica proprio su quelle macchinette, scopre che non sono collegate come prevede la legge ai Monopoli di Stato e scatta il sequestro amministrativo di tutti gli apparecchi da gioco presenti nel locale che vengono affidati in custodia allo stesso titolare del bar. Il barista, qualche giorno prima di chiudere definitivamente il locale perché ormai non riusciva più a far fronte alle spese e da tempo non pagava più neanche i fornitori, ha divelto i sigilli apposti dalla Guardia di Finanza alle slot-machine e si è impossessato di altri 2 mila euro di giocate, senza più fare più ritorno a Cortemilia e lasciando peraltro insoluti molti debiti. I Carabinieri, grazie ad una serrata attività d’indagine sul conto del barista ed alla deposizione di alcuni testimoni, lo hanno però smascherato denunciandolo all’Autorità Giudiziaria.  

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it