VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 7 dicembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
28/12/2017 - Vercelli Città - Politica

CRISI IN COMUNE, PD ALLA RICERCA DI UNA NUOVA INTESA CON LA (E RIDIAMO) MAGGIORANZA - Ma traspare una (malcelata) nostalgia del Rialto (ora Borgo San Paolo) - Con amici così, Maura Forte che bisogno ha di nemici?

CRISI IN COMUNE, PD ALLA RICERCA DI UNA NUOVA INTESA CON LA (E RIDIAMO) MAGGIORANZA - Ma traspare una (malcelata) nostalgia del Rialto (ora Borgo San Paolo) - Con amici così, Maura Forte che bisogno ha di nemici?
Immagine portante da Google Maps - Nel riquadro: il Segretario Presidente Michele Gaietta


Il gemito di vedovile dolore è insopprimibile e filtra – nessuna parola è mai casuale – dal comunicato ufficiale diramato a tarda notte dal Pd di Vercelli, riunitosi ieri sera, 27 dicembre, alle 21, dopo il Consiglio Comunale della (apparente) ritrovata unità.

 

Leggi anche:


http://vercellioggi.it/dett_news.asp?titolo=COMUNE__PASSA_LA_VARIAZIONE_DI_BILANCIO_-_Sì_al_Piano_Periferie_-_&id=76765&id_localita=2


Al momento del voto mancavano, infatti, due Consiglieri di maggioranza e le ragioni di Donatella Capra sono riepilogate nel testo che poco oltre integralmente riportiamo, in ordine alla deliberazione di ratifica della variazione di Bilancio.

 

***

 

Poiché i numeri sono (anche in Comune a Vercelli, dove pure talvolta appaiono relativi) entità non modificabili, tutto lascia ritenere che a permeare i sentimenti del Coordinamento Cittadino (forse, più esattamente, degli estensori del comunicato) sia non solo una nostalgia dei SiAmo, ma una vera e propria VogliaDiSiAmo.

 

Sicchè l’epilogo di questa strana crisi comunale potrebbe essere proprio un tentativo (ulteriore) di ottenere desistenze, appoggi esterni, compiacenze varie idonee ad assicurare alla Giunta ed alla “non – maggioranza” il sostegno dei sei Consiglieri di SiAmoVercelli.

 

I quali ultimi sanno bene di non essere affatto pronti ad una eventuale campagna elettorale nel 2018, sicchè potrebbero lucrare al massimo la posizione.

 

Fantapolitica?

 

Ipotesi.

 

Parleranno i fatti.

 

Quel che è certo è che, con amici del genere, Maura Forte non ha certo bisogno di nemici.

 

***

 

Ma ecco integrale il comunicato del Coordinamento Cittadino del Pd.

 

Più oltre, il testo dell’intervento in Consiglio Comunale, ieri, di Donatella Capra.

 

***

 

Il Coordinamento cittadino del Partito Democratico di Vercelli valuta positivamente l’andamento del Consiglio Comunale del 27 dicembre

 

Il Coordinamento cittadino del Partito Democratico di Vercelli valuta positivamente l’andamento del Consiglio Comunale del 27 dicembre che, con l’auspicata assunzione di responsabilità da parte dei consiglieri che si richiamano alla maggioranza di Centro-Sinistra che regge l’amministrazione di Maura Forte, ha garantito l’approvazione di importantissimi atti di investimento per lo sviluppo della Città e nell’interesse dei cittadini vercellesi, atti resi possibili soprattutto dai fondi stanziati dal governo guidato dal Partito Democratico (7,5 milioni di euro).

 

A quasi quattro anni di mandato, una complessiva analisi dell’operato dell’Amministrazione guidata dal Sindaco Maura Forte evidenzia, rispetto a quanto indicato nel programma elettorale, molti e importanti obbiettivi raggiunti e altri che potranno esserlo entro la fine del mandato.

 

Il Coordinamento cittadino del PD invita pertanto il Sindaco, sostenuto dai propri Consiglieri, a un rinnovato impegno per completare tali impegni programmatici, nel pieno rispetto del responso elettorale, pur rammaricandosi per la mancata coesione politico-amministrativa della maggioranza uscita dalle elezioni del 2014 e successivamente modificatasi nel 2015. 

 

A partire da queste premesse il PD sta lavorando per individuare condizioni e priorità programmatiche che verranno presentate alle altre forze politiche di maggioranza, rivendicando l’assoluta centralità del proprio ruolo nonché il contributo essenziale di sostegno fornito con lealtà al Sindaco in questi anni.

 

Il Coordinamento Cittadino del Partito Democratico di Vercelli

 

***

Ed ecco il testo dell’intervento di Donatella Capra, inviato dall’interessata al nostro Giornale.

Il rinvio delle sedute Consiliari del 30 novembre e del 21 dicembre u.s., per mancanza del numero legale, ha permesso a tutti noi di fare una più attente valutazioni circa il contenuto della QUARTA VARIAZIONE del Bilancio 2017-2019 (che per un refuso nella Convocazione del Consiglio precedente risultava essere la QUINTA) anche in relazione alle informazioni acquisite durante la seduta consigliare.

Dopo le dichiarazioni del Sindaco e dell’assessore al Bilancio, apprese dalla Stampa locale, nelle quali, in risposta a specifiche richieste da parte di Associazioni e privati esterni al Consiglio comunale e da un Gruppo consigliare di maggioranza per il finanziamento dell’acquisto dell’area archeologica dell’anfiteatro, affermavano che non si sarebbero mai prestati ad avallare operazioni contrarie alla legge ma avrebbero cercato soluzioni alternative, oggi ci propongono invece di approvare una variazione di Bilancio per il triennio 2017-2019 che, unitamente ad una serie di variazioni condivisibili, ne presenta almeno tre non condivisibili due delle quali hanno anche fondati motivi di illeceità proprio in relazione all’acquisto dell’area archeologica.

La prima non condivisibile, ma purtroppo ormai ineludibile per evitare un debito fuori Bilancio, riguarda i 120.000 euro per coprire l’ulteriore “buco” della farmaceutica per il mancato pagamento della mensa. Debito che raggiunge un importo stratosferico vicino ai 700.000 euro. Sarebbe interessante sapere quali iniziative L’Amministrazione della farmaceutica ha messo in atto per il recupero delle quote non pagate.

Le altre due propongono invece uno spostamento di spesa di 100.000 euro dal codice di bilancio 10052 al codice 01052 per “acquisizione aree archeologiche finanziato con i proventi della Legge 10/77 (oneri di urbanizzazione) “ed un ulteriore spostamento di 30.000 euro, sempre per lo stesso motivo, dal codice di Bilancio 12092 al codice 01052.

Premesso che non ho alcun pregiudizio nei confronti della valorizzazione dell’area archeologica dell’anfiteatro, mi piacerebbe proprio sapere quali sono state le motivazioni che hanno indotto il Sindaco e la Giunta ad un repentino cambiamento di opinione anche in assenza di “strade diverse” da quelle che, se percorse un mese fa, sarebbero state da loro considerate illegali.

 E’ noto a tutti che per motivi di contenimento della spesa pubblica a seguito della approvazione della legge 15 11 2011 n.111 si era proceduto in modo drastico a vietare agli Enti territoriali e alle Aziende sanitarie qualsiasi acquisto di beni immobili sino al 2013.

Con l’approvazione della legge 228/12 all’art.1 comma 138 e successive modificazioni, si è riaperta la possibilità da parte dei Comuni di acquisizione di beni immobili, dal 2014, ma a condizioni molto restrittive. Tale articolo dispone infatti che:

“A decorrere dal 1 gennaio 2014 al fine di pervenire a risparmi di spesa ulteriori rispetto a quelli previsti dal patto di stabilità interno, gli Enti territoriali potranno effettuare operazioni di acquisto di immobili solo ove ne siano comprovate DOCUMENTALMENTE L’INDISPENSABILITA’ E L’INDILAZIONABILITA’ attestate dal responsabile del procedimento. Inoltre la congruità del prezzo dovrà essere attestata dall’Agenzia del Demanio.”

Questa normativa ha dato adito ad una serie di interpretazioni e di contenziosi tutti risolti dai TAR e dalle varie sezioni della Corte dei Conti in modo restrittivo respingendo tutti i provvedimenti che non fossero INDISPENSABILI per la funzionalità dell’Ente.

Ed è evidente che l’acquisto dell’area dell’anfiteatro non è indispensabile per la funzionalità dell’Ente.

Il Ministro dell’economia ha emanato anche apposite Circolari con le quali si danno indicazioni circa altri adempimenti necessari al fine del perfezionamento della Procedura.

 Se si apporta una variazione al Bilancio di previsione che determina una variazione del PIANO TRIENNALE DEGLI INVESTIMENTI sarà assolutamente necessario procedere contestualmente anche alla variazione di detto Piano e alla modifica del DUP.

L’art.2 del D.M.14 febbraio 2014 prevede che con l’invio al Ministero dell’economia e delle Finanze del piano triennale degli investimenti deve essere prodotta contestualmente l’attestazione del Responsabile del procedimento con la quale viene documentata l’indispensabilità e l’indilazionabilità degli acquisti programmati nel triennio. Di conseguenza, per poter procedere alla variazione di bilancio, dovrebbe essere necessario acquisire l’attestazione relativa all’area dell’anfiteatro.

L’art.3 del D.M.14 febbraio 2014 inoltre da precise indicazioni circa l’ATTESTAZIONE specificando che non deve essere generica ma “deve esporre le concrete motivazioni poste a fondamento delle operazioni di acquisto. In merito al requisito dell’INDISPENSABILITA’ si chiarisce che lo stesso attiene alla assoluta necessità di procedere all’acquisto di immobili in ragione di UN OBBLIGO GIURIDICO INCOMBENTE ALLA AMMINISTRAZIONE nel proseguimento delle proprie finalità istituzionali ovvero nel concorso a soddisfare interessi pubblici generali.

Per quanto attiene alla INDILAZIONABILITA’ si deve comprovare che l’Amministrazione si trovi effettivamente nella impossibilità di differire l’acquisto se non a rischio di compromettere il raggiungimento degli obiettivi istituzionali od incorrere in possibili sanzioni”.

Vorrei ricordare inoltre che nel DUP 2018 - 2020 NON E’ PREVISTO L’ACQUISTO di detta area ma si dice semplicemente che “Anche il patrimonio archeologico, rinvenuto su aree oggi di proprietà privata, potrà inserirsi all’interno del più ampio sistema di valorizzazione attraverso ad adeguate convenzioni che consentano, REPERENDO IDONEI FINANZIAMENTI DALL’ESTERNO, anche attraverso Art Bonus, la pulizia degli ambiti vincolati dell’Anfiteatro Romano e dell’area delle Terme di Via Simone di Collobiano al fine di renderle fruibili al pubblico”.

La competenza specifica delle aree archeologiche non è in capo alle Amministrazioni comunali bensì delle Soprintendenze. Diverse sedi periferiche della Corte dei Conti hanno ritenuto valide le acquisizioni di aree archeologiche operate dai comuni ma finanziate con appositi Fondi comunitari o di Fondazioni bancarie o di privati poiché l’operazione finanziaria in questo modo risultava non incidere direttamente sul Bilancio comunale.

Ed è proprio in questa direzione che, a mio avviso, si sarebbe dovuto e si dovrebbe procedere.  Abbiamo in città una Fondazione bancaria attenta da sempre ai valori della cultura che, se interessata, potrebbe benissimo valutare il finanziamento dell’acquisto lasciando alla Amministrazione comunale poi l’onere della gestione, onere che comunque non sarebbe indifferente per le scarse risorse disponibili.

Pertanto alla luce delle considerazioni esposte resta evidente che la variazione di Bilancio proposta per le due voci elencate prima, per complessivi 130.000 euro, non è rispondente alla normativa in vigore per l’acquisizione di immobili da parte del comune.

Per questi motivi, qualora non si ritenesse da parte del Consiglio comunale di procedere, in sede di ratifica, ad una modifica della Delibera della Giunta, comunico che non prenderò parte alla votazione.

 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it