VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 7 dicembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
22/12/2011 - Cuneo - Cronaca

CUNEO - Albanesi armati vigilavano sulle prostitute di Madonna dell’Olmo, tre arresti

CUNEO - Albanesi armati vigilavano sulle prostitute di Madonna dell’Olmo, tre arresti
I tre arrestati

Alla fine del mese di agosto 2011 la 2^ sezione della Squadra Mobile coordinata dal Sostituto Commissario Sette riceveva una denuncia di estorsione da parte di un uomo di circa 35 anni, imprenditore dimorante nell’interland cuneese, il quale denunciava l’estorsione da parte di un avvenente giovane ragazza rumena di 22 anni.



La stessa prima lamentando problemi economici e poi minacciando di rivelare la loro relazione segreta, si faceva consegnare la somma contante di circa 26.000 Euro.


Esasperato, l’uomo decideva di non elargire più alcunché alla donna la quale richiedeva l’aiuto del suo “protettore” di origine albanese, il quale una sera di fine agosto nella zona dell’hotel Cristal a Madonna dell’Olmo, lo colpiva al volto con il calcio di una pistola intimandogli di continuare con i pagamenti.


Le successive indagini dirette dal Sostituto Commissario Luigi Chilla permettevano di giungere alla identificazione del soggetto albanese in Edmond Xhafa di anni 26, il quale era solito proteggere la citata prostituta, Angela Daniela Danila di anni 22, oltre ad altre colleghe rumene ed albanesi, operanti nella suddetta frazione.


I servizi di osservazione, i pedinamenti ed ulteriori operazioni tecniche disposte dal Procuratore della Repubblica d.ssa Francesca Nanni permettevano di riscontrare elementi di prova in ordine ai reati di estorsione, porto abusivo di arma e favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.


Lo Xhafa era solito accompagnarsi a Afrim Qepa, alias Afrim Balliu con precedenti per stupefacenti, clandestino sul territorio nazionale, per assicurarsi una “spalla di peso” durante la vigilanza delle prostitute e nel caso di conflitti con alcuni gruppi antagonisti nello sfruttamento della prostituzione.


I predetti avevano telefoni intestati a fantomatici cittadini stranieri e non accompagnavano mai sul luogo del meretricio le donne, facendo in modo che le stesse giungessero sempre in treno alla locale stazione ferroviaria.


A riscontro degli elementi di prova, giungeva la segnalazione di un altro uomo, anch’egli imprenditore, il quale era stato vittima di estorsione da parte della Danila, senza però giungere a somme elevate come nel precedente caso, proprio per l’intervento della polizia.


La sera del blitz nello scorso fine settimana, permetteva di procedere al fermo di un’autovettura Bmw Serie 1 in Via Torre Allera, proprio mentre i due soggetti, dimoranti in Torino effettuavano la vigilanza della zona di competenza.


La perquisizione veicolare permetteva di rinvenire, in un intercapedine sotto la tappezzeria dell’auto, una pistola cal. 7,65 con 7 cartucce, perfettamente oliata e pronta all’uso, un noccoliere acuminato in metallo ed un coltello a serramanico della lunghezza di 21 cm.


I due venivano tratti in arresto, unitamente alla Danila su cui pendeva l’ordinanza di Custodia cautelare così come sullo Xhafa.

Questa Squadra Mobile sta provvedendo a monitorare la prostituzione su strada da alcuni mesi, così come più volte segnalato dalla cittadinanza, riscontrando un particolare fenomeno di pendolarismo criminale che giunge dal capoluogo torinese. 
NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it