VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedý 30 novembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
28/06/2015 - Cuneo - Economia

CUNEO - Per decidere la gestione dell’acqua in provincia servono coerenza e serietà

CUNEO - Per decidere la gestione dell’acqua in provincia servono coerenza e serietà
Mario Cravero

Se l’orientamento “politico” per l’affidamento della gestione del ciclo idrico integrato ad una società pubblica o comunque a controllo pubblico, dovrebbe non trovare particolari resistenze nella decisione dei 250 sindaci convocati il prossimo 2 luglio dalla Presidente dell’Egato4, Bruna Sibille, troppe incognite rimangono sui tempi e sulle modalità per la concretizzazione di tale orientamento.

La pluralità di società e le diverse forme giuridiche delle stesse (pubbliche, miste e private) che oggi gestiscono il ciclo idrico integrato della provincia possono richiedere oggettivamente un periodo di “transizione” nel percorso di completamento del processo, ma la durata di tale fase transitoria deve essere circoscritta ad un arco temporale ragionevole e ben definito che noi pensiamo non possa essere superiore ai 24 mesi.

In altri termini si deve evitare che per una mera ragione di consenso elettorale, formalmente si assuma una decisione politica rispettosa della volontà dei cittadini espressa in modo quasi plebiscitario nel voto referendario del giugno 2011, peraltro ribadita da diverse Amministrazioni comunali in questi giorni, per poi nei fatti fare della fase transitoria lo strumento per aggirare la decisione politica e garantire sine die gli attuali equilibri ed interessi.

Dal momento che di tempo già se ne è perso tanto, è fondamentale che l’eventuale fase transitoria venga utilizzata dai Comuni, a cominciare da quelli dove operano gestori privati (ma l'esigenza si pone in generale), per riappropriarsi della conoscenza complessiva della situazione del servizio idrico sul proprio territorio (mappatura e stato della rete, investimenti fatti o ancora non eseguiti, consistenza dei mutui in corso, interventi necessari per ottimizzare le reti, ridurre il consumo della risorsa acqua e rendere ambientalmente sicura la depurazione, ricognizione sugli organici del personale delle varie società ecc.).

Allo stesso tempo si avvii celermente la ricerca delle soluzioni più idonee per il nuovo assetto, anche esplorando possibili percorsi non ordinari in tale campo, affinché la nuova società che sarà chiamata a gestire il ciclo integrato dell’acqua per la nostra provincia, diventi realmente un patrimonio pubblico, dove non solo i Sindaci ma i singoli cittadini possano avere una concreta voce in capitolo nel controllo e nel governo di un bene pubblico fondamentale come l’acqua.

La Segreteria Provinciale e gli Amministratori Locali

Sinistra Ecologia Libertà Cuneo

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.

Puoi aiutarci a crescere effettuando una libera donazione nelle modalità seguenti,  illustrate cliccando questo link:

http://www.vercellioggi.it/donazioni.asp

Commenta la notizia su https://www.facebook.com/groups/vercellioggi

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

Cuneo

acqua pubblica

Sel

CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it