VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
08 December 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
17/01/2018 - Vercelli Città - Cronaca

GLI SGRAVI FISCALI DEL COMUNE POSSIBILI GRAZIE AI 'DIVIDENDI EXTRA' DI ATENA - Ma Andrea Coppo smentisce: è solo una componente del prezzo per la vendita delle azioni - Tutti indaffarati per disapplicare la Mozione consiliare del 24 novembre

GLI SGRAVI FISCALI DEL COMUNE POSSIBILI GRAZIE AI 'DIVIDENDI EXTRA' DI ATENA - Ma Andrea Coppo smentisce: è solo una componente del prezzo per la vendita delle azioni - Tutti indaffarati per disapplicare la Mozione consiliare del 24 novembre

Atena Iren, anno nuovo, vita vecchia.

Da quattro giorni l’emporio di #ciutitucci offre queste componenti d’arredo di arte che è – sicuramente – “povera”.

C’è di tutto un po’, come sempre; sedie, anche un dipinto ad olio su tela: paesaggio agreste. Poi i materassi mai desueti, un mobiletto.

Niente di nuovo: certo, abbandoni non conformi, comportamenti poco civili.

Ma anche la ulteriore riprova che dopo le “feste”, quando Atena ha pulito un po’ meglio, assegnando più ore alla Coop. Andromeda per sopperire le ferie ed anche, forse, per “tenere su” la Giunta, tutto torna come prima.


Leggi anche:

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=76910


Giunta che il patto leonino stipulato con Iren è quasi riuscita a demolire del tutto.

Succede, quando – tra i due contraenti – non si è il leone.

Dopo l’offa di 35 mila euro per finanziare le luminarie natalizie, ora il “regalo” di Atena, se non ai commercianti, al commerciante di Via Cadore è questo: quattro giorni ( oggi 17 gennaio è il quinto ) con i rifiuti davanti al negozio.


( La gallery dei quattro giorni a fondo pagina )


Sì, perché proprio davanti a questo bell’esempio di come niente conti il Comune nei rapporti con Iren ed in Atena, c’è una panetteria.

Che – oggi quinto giorno – riceve i Clienti così.

Forse in qualcuno alberga l’idea che regalando un’elemosina di 35 mila euro, si possano poi trattare i singoli commercianti in questo modo.

Certo, foraggiare una tantum – cosa sono, in fondo, 35 mila euro? – costa molto meno che mandare uomini e mezzi tutti i giorni a pulire.

Non pulendo non si sostengono costi.

Se non si pulisce e non si sostengono costi il Comune dovrebbe dire qualcosa.

Invece sta supino a subire: cala le brache dei cittadini.

E i cittadini subiscono anche a causa della comunale inerzia.

Inerzia che ora è doppiamente inaccettabile, perché il 24 novembre scorso tutto il Consiglio Comunale – 19 i voti a favore, 9 gli astenuti, quindi zero nella computisteria amministrativa – unanime ha approvato una mozione di dura censura nei confronti di come operi Atena.

Leggi anche, con il testo integrale della mozione approvata:

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=76323

***

Incaricando tra l’altro l’Esecutivo, la Giunta, di procedere a controlli serrati, comminando sanzioni.

Ma l’Esecutivo, invece di dare corso alle mozioni, si preoccupa piuttosto di vanificarne gli effetti.

Ma questa è una storia su cui ritorneremo in altra parte del giornale.

***

Dunque la mozione del 24 novembre è stata sostanzialmente non solo disattesa e disapplicata, ma tutto è rimasto come prima anche perché ci si studia di come sovvertire il mandato ricevuto dall’Aula.

Invece di eseguire ciò che i Consiglieri hanno deciso, è tutto un parlottìo con i singoli Consiglieri per convincerli a desistere.

Nessun atto di indirizzo della Giunta che dica ai Dirigenti competenti: procedete a controlli mirati, controllate se il contratto sia rispettato.

Perché Atena deve pulire il sedime attorno ai cassonetti, per contratto.

Contratto in virtù del quale riceve dal Comune (dai cittadini che pagano la Tari) un corrispettivo di 9 milioni di euro l’anno.

***

Nulla di tutto questo: la comunale solerzia assicura puntuali pagamenti ad Iren, ma si guarda bene dal controllare se Atena adempia al contratto con tutti i suoi oneri.

E’ chiaro che non pulendo, non si sostengono costi.

Non sostenendo costi, ma lucrando ugualmente i ricavi, la differenza sono gli utili di esercizio.

Che si prende al 60 per cento Iren.

E’ ovvio.

E questo parametro – gli utili - sarebbe quello sul quale è giudicata la capacità dell’Amministratore Delegato Fabrizio Tucci.

Tutto chiaro: più il commerciante di Via Cadore sta con l’immondizia davanti al negozio, più l’Amministratore Delegato mandato da Iren è bravo.

Il parametro sul quale è stato designato Presidente Sandro Baraggioli è invece il fatto che abbia partecipato alla campagna elettorale di Sergio Chiamparino.

***

Il vassallaggio della politica a trazione Pd nei confronti di Iren si arricchisce di un nuovo capitolo nei giorni scorsi, quando da Via Giovine Italia, con una sola voce, i Segretari Politici cittadino e provinciale del partito di Matteo Renzi, dicono: la crescita (?) di Atena continua ad essere elemento virtuoso per la città ed il territorio.

***

Tutto lascia credere che in cabina elettorale il commerciante di Via Cadore saprà come ringraziare i renziani di tanta virtù.

Ma l’ansia di “ruere in servitium” di Paolo Peveraro e “compagni” non si placa.

Perché i Segretari sostengono nello stesso comunicato addirittura la bizzarra tesi secondo cui gli sgravi fiscali che quest’anno il Comune può praticare riducendo l’addizionale Irpef, sarebbero possibili grazie ad Atena.

E qui cascano addirittura in qualcosa che – come vedremo tra breve – suscita persino un rabbuffo dallo stesso Assessore al Bilancio Andrea Coppo.

Cosa dicono i solerti Michele Gaietta e Gian Paolo Dedominici?

Dicono: Tali azioni ( le riduzioni fiscali, ndr ) comportano un costo aggiuntivo del Comune reso sostenibile anche grazie ai dividendi extra di Atena, la cui crescita continua a essere elemento virtuoso per la città e il territorio.

 

***

 

La lettura deve farsi, a questo punto, attenta.

Perché l’espressione “scivolosa” pare studiata con molta, sapiente, cura: “dividendi extra”.

***

E uno potrebbe pensare: ma avranno voluto dire qualcosa come i “bei dividendi”, la “giulebbe di dividendi”, insomma una cosa generica.

Ma no, non è così.

***

I “dividendi extra” sono una delle componenti del “prezzo” pagato da Iren per assicurarsi il controllo di Atena, dopo la sventurata scelta compiuta da questa Amministrazione di svendere ai “compagni” emiliani, torinesi, genovesi, la cosa più importante che il Comune aveva.

Ma vediamo i conti.

Il “prezzo” complessivo della cessione è stato di 14,5 milioni di euro.

Di questi 14,5 milioni di euro, 2 sono di “dividendi extra”.

Di cui, non “in più”.

Sono sempre parte dei 14,5 milioni complessivi.

In pratica: 12,5 li hanno dati subito ed altri due milioni li hanno differiti, a rate di 630 mila euro l’anno, per gli esercizi 2016, 2017, 2018.

Non sono soldi in più, sono parte del prezzo di cessione ( molto conveniente, ma per Iren) che si paga a rate.

Tenendo, inoltre, conto del fatto che il dividendo, sia pure “extra” è corrisposto non il 31 dicembre dell’anno di competenza, ma dopo chiuso il bilancio consuntivo, cioè dopo aprile di quello successivo.

***

Forse i Segretari non hanno capito bene l’imbeccata.

***

Ma Andrea Coppo è chiaro nel rimettere le cose in riga:

La politica di riduzione della pressione fiscale del Comune si è iniziata con il bilancio 2015, proseguita nel 2016, quando i dividendi “extra” non c’erano e proseguirà anche oltre”.

***

Insomma, se i Segretari avessero chiesto a Coppo, quell’inchino ai “compagni” di Iren forse se lo sarebbero risparmiato.

Ma ecco, integrale, il comunicato del Pd.

***

Il Partito Democratico, dopo aver portato a livello nazionale la pressione fiscale ai livelli più bassi dal 2011 a seguito della riduzione di tasse su famiglie e imprese che hanno contribuito a rilanciare la crescita italiana, continua la propria azione anche a livello locale per ridurre il carico fiscale dei cittadini vercellesi. Tale indirizzo è emerso dall’illustrazione dalle prime delibere riguardanti lo schema di bilancio 2018 del Comune di Vercelli effettuata nella giornata di ieri dal Sindaco Maura Forte e dall’Assessore Andrea Coppo.

Un’azione tesa ad aumentare le soglie di esenzione sulle fasce deboli (Tari, Mensa scolastica, Tariffe e servizi sociali) a sostenere specifici esercizi commerciali (attività con rilevanza sociale di vicinato e nuove aperture) in aggiunta ad un generale abbassamento dell’aliquota IRPEF sui primi 15 mila euro di cui beneficeranno molti cittadini. Tali azioni comportano un costo aggiuntivo del Comune reso sostenibile anche grazie ai dividendi extra di Atena, la cui crescita continua a essere elemento virtuoso per la città e il territorio.

 

A margine di queste buone notizie per i Vercellesi, il segretario cittadino e provinciale del PD, venuti a conoscenza di alcuni insulti indirizzati alla ragazza di origini marocchine che ha difeso Giampiero Borzoni nella nota vicenda relativa al soccorso prestato da dipendente della croce rossa ad un famigliare dell’esponente leghista, intendono comunicare che non riteniamo in alcun modo accettabile qualunque tipo di offesa nei confronti di chi vuole esprimere le proprie idee e convinzioni, nel pieno rispetto della legge. Parafrasando Noam Chomsky, “se non crediamo nella libertà di espressione delle persone con cui possiamo non essere d’accordo, non ci crediamo affatto”.

 

Gian Paolo De Dominici
Segretario Provinciale PD Vercelli-Valsesia

 

Michele Gaietta
Segretario Cittadino PD Vercelli

 

 

CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it