VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
venerdì 7 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
26/12/2010 - Regione Piemonte - Pagine di Fede

IL BEATO DON SECONDO POLLO NEL RICORDO VIVO DI DON GIOVANNI MUSAZZA - A 69 anni dalla scomparsa dell’eroico Cappellano militare degli Alpini, l’anziano sacerdote che fu suo allievo lo ricorda in una ispirata omelia

IL BEATO DON SECONDO POLLO NEL RICORDO VIVO DI DON GIOVANNI MUSAZZA - A 69 anni dalla scomparsa dell’eroico Cappellano militare degli Alpini, l’anziano sacerdote che fu suo allievo lo ricorda in una ispirata omelia
Il Beato Don Secondo Pollo

Cattedrale gremita, questo pomeriggio a Vercelli, per commemorare l’anniversario della morte del Beato Don Secondo Pollo, il Cappellano militare, martire di guerra nel giorno di S.Stefano di 69 anni fa, in Montenegro. Diede la vita per salvare un suo Alpino, sul teatro bellico dove aveva seguito i suoi ragazzi. Aveva con sé tutta l’ “attrezzatura” che deve portare un Ministro di Dio: l’Eucarestia con il Corpo di quel Gesù al quale aveva già, del resto, donato la propria vita e l’Olio Santo, quello che nel Sacramento della Estrema Unzione accompagna il congedo, il transito, da questo travagliato mondo alla compagnia del Padre.



Ma in quel 26 dicembre Don Secondo non diede soltanto assistenza spirituale a quel ragazzo che rischiava di morire: lui e il suo Signore presente nell’Ostia si offrirono in olocausto per salvare una vita.


Era fatto così.  Amava sicuramente i suoi ragazzi più di se stesso. Lo aveva del resto già dimostrato sin da quando, Assistente spirituale dei giovani allievi del Seminario minore diocesano in Moncrivello, a loro dedicava senza risparmio di energie ogni momento della giornata ed ogni risorsa intellettuale, spirituale, umana.


Lo ha ricordato oggi in Duomo, nella celebrazione presieduta da Mons. Enrico Masseroni, proprio uno di quei giovani seminaristi, che ebbe il privilegio di conoscerlo e che ha potuto recare una testimonianza autentica, viva e fresca, come se non fossero passati – da quel lontano 1937, quando Don Giovanni Musazza varcò il portone del Seminario in Moncrivello – più di 70 anni.


Don Giovanni Musazza, uno dei sacerdoti più amati della Diocesi, mente davvero eclettica ed aperta alla modernità, pur nella fedele custodia di ogni ricchezza della tradizione, è da qualcuno ancora ricordato per quello pseudonimo di “Gimus”, che firmò tanti gustosi e sapienti articoli sulla stampa diocesana.


Oggi non ha tradito le attese ed ha tenuto l’omelia, a lui affidata da Padre Enrico, lasciando letteralmente a bocca aperta il popolo di Dio convenuto in Cattedrale. Don Secondo era certamente lì, ad annuire con il capo, sentendo i ricordi di quel suo brillante allievo di tanti anni fa.


Il testo integrale dell’omelia di Don Giovanni Musazza a breve nel filmato in onda sulla home page di VercelliOggi.it.

Don Giovanni Musazza
Don Giovanni Musazza
Padre Enrico Masseroni
Padre Enrico Masseroni
I fedeli in Cattedrale
I fedeli in Cattedrale
Don Secondo Pollo
Don Secondo Pollo
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it