VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 30 novembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
10/12/2011 - Valle D'Aosta - Pagine di Fede

IN PRINCIPIO ERA IL VERBO - Letture della Terza domenica di Avvento - "Venne un uomo" - Commento a cura delle Suore Carmelitane del Monastero "Mater Carmeli" di Biella

IN PRINCIPIO ERA IL VERBO - Letture della Terza domenica di Avvento - "Venne un uomo" - Commento a cura delle Suore Carmelitane del Monastero "Mater Carmeli" di Biella
Giovanni Battista

Dal Libro del Profeta Isaia, Cap. 61, 1 - 2. 10 - 11



Lo spirito del Signore Dio è su di me,
perché il Signore mi ha consacrato con l’unzione;
mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai miseri,
a fasciare le piaghe dei cuori spezzati,
a proclamare la libertà degli schiavi,
la scarcerazione dei prigionieri,
a promulgare l’anno di grazia del Signore.
Io gioisco pienamente nel Signore,
la mia anima esulta nel mio Dio,
perché mi ha rivestito delle vesti della salvezza,
mi ha avvolto con il mantello della giustizia,
come uno sposo si mette il diadema
e come una sposa si adorna di gioielli.
Poiché, come la terra produce i suoi germogli
e come un giardino fa germogliare i suoi semi,
così il Signore Dio farà germogliare la giustizia
e la lode davanti a tutte le genti.


Responsorio, dal Vangelo secondo Luca, Cap. 1


L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia


Dalla Prima Lettera di San Paolo Apostolo ai Tessalonicesi, Cap 5, 16 - 24


Fratelli, siate sempre lieti, pregate ininterrottamente, in ogni cosa rendete grazie: questa infatti è volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi.
Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie. Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono. Astenetevi da ogni specie di male.
Il Dio della pace vi santifichi interamente, e tutta la vostra persona, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. Degno di fede è colui che vi chiama: egli farà tutto questo!


Dal Vangelo secondo San Giovanni, Cap. 1, 6 - 8. 19 - 28


Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce.
Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa».
Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».
Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.


Salire in cordata


Spunti di riflessione per camminare insieme - 2011


III di Avvento – B     (Gv 1,6-8.19-28)    


Tempi bui si dice. Tempi bui per tutti. La speranza si è spenta. La motivazione del vivere viene meno.


Ma la Parola del Signore ci viene incontro e anche in questa terza domenica di Avvento è pronta  a donarci una ricarica di fede e di speranza, di sprone all’impegno cristiano.


Il buio si vince con la luce: siamo chiamati ad essere testimoni della Luce che è venuta nel mondo. Giovanni era un uomo come noi, venne nel mondo non per annunciare la sua verità, ma per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma dava testimonianza alla luce.


Il dare testimonianza è l’impegno di questo percorso di attesa. Ma la testimonianza è credibile quando si annuncia ciò che si è visto con i propri occhi, quando possiamo dare prove sicure di quello che annunciamo.


Lasciamo allora che la Luce di Cristo tocchi il nostro cuore: qualcosa di misterioso avverrà in noi e attorno a noi.


Diranno di te: «avete visto come sorride? Prima era sempre imbronciato?...avete visto la gratuità dei suoi gesti? Prima pensava solo a se stesso! …avete visto come ha affrontato quella sofferenza? Prima si sarebbe disperato..».


Fratelli, stiamo lieti, rallegriamoci nel Signore sempre ( Cfr 1 Tess 5,16-17) e questo renderà testimonianza verace alla Luce che sta per venire.


Stiamo lieti, preghiamo ininterrottamente con i gemiti e i respiri della nostra povera vita quotidiana, in ogni cosa rendiamo grazie: questa è la volontà di Dio verso di noi!


Saremo allora capaci di astenerci da ogni male e i tempi bui si trasformeranno presto in albe luminose.


le vostre  Sorelle Carmelitane


Monastero Mater Carmeli Via del Bottegone, 9 – 13900 BIELLA


www.carmelitanebiella.it


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it