VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
10 December 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
21/03/2011 - Vercelli Città - Mondi Vitali

LA CATTEDRALE NELLA STORIA DELLA CHIESA VERCELLESE - Conferenza organizzata dal Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale

LA CATTEDRALE NELLA STORIA DELLA CHIESA VERCELLESE - Conferenza organizzata dal Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale
Il tavolo dei relatori

(pda) - Brillante e colto, come di consueto, l’appuntamento del Movimento Ecclesiale d’Impegno Culturale. Alla presenza d’una folta platea, hanno intrattenuto gli ascoltatori Due docenti universitari dell’Ateneo locale. Presentazione di Maurizio Ambrosini “Come ha detto Giovanni nel Vangelo secondo rito Ambrosiano della domenica appena trascorsa-  adorerete non su questo monte ma in spirito e verità-  i credenti hanno cercato di dare forma fisica al luogo, al Tempio. Ma il vero Tempio è il corpo del Signore Gesù. Siamo soprattutto noi che abbiamo bisogno della Cattedrale che rende visibile la nostra adesione e riflettere sulal cattedrale vuol dire riflettere sull’essere Chiesa, sul Signore che ci viene incontro, suò nostro cammino di Chiesa”. Ambrosini ha quindi passato la parola a Monsignor Giuseppe Cavallone che  ha letto il Salmo 83, mentre subito prima ha ricordato che sabato prossimo 26 marzo alle ore 10 e 30 verrà assegnato il premio di Vercellese dell’anno a Don Cesare Massa, assistente emerito del Meic. Via al brillante eloquio di Alessandro Barbero, autore d’una carrellata generale sul significato di cattedrale e su diverse cattedrali d’Italia e d’Europa: “Cattedrale significa ogni chiesa dove ha sede la cattedra del Vescovo, si chiama anche Chiesa Madre o Ecclesia Maior. Solo il Vescovo può esser in genere seppellito nella Cattedrale, sede del Capitolo dei canonici che nel Medioevo eleggeva il “suo” Vescovo. Il termine “Cattedrale” compare nel VI° secolo, nelle città romane i Cristiani erigono  i luoghi di culto coesistenti  con la religione degli Dei e le Cattedrali nascono in modo diverso, ogni città fa storia a sé, Chiese che perlopiù nascono dentro le città oppure vicino al cimitero, fuori, infatti nel mondo Romano i morti stanno fuori dalla città mentre nel centro abitato viene costruita un’altra chiesa, così come è stato in antico per Vercelli con l’ex cattedrale di Santa Maria Maggiore”. Barbero ha poi fatto un excursus storico-artistico d’immagini di diverse Cattedrali, italiane ed estere,  famose e meno note, da Modena a Cremona, da Ferrara a Sarsina, da Spoleto ad Orvieto e Terracina, passando insomma dal Romanico al Gotico e sottolineando come nel tempo le cattedrali sono state “cantieri aperti”, con un enorme sforzo economico della collettività ed ancora “edifici vivi”, modificati, rimaneggiati nel corso degli anni. Luoghi suggestivi come Trani con una cattedrale in riva al mare, Altomonte e poi Reims, Strasburgo, Rouen, Magonza, Colonia, Salisbury, York, Trondheim, San Basilio per giungere a San Patrizio e all’affascinante figura della contessa Uta nella cattedrale di Naumburg. Marco Aimone ha poi tratteggiato la complessa storia del Duomo di Vercelli,  le vicende architettoniche ed artistiche che hanno presentato esempi,  pagine di grande coraggio ed ambizione, a partire dall’iscrizione funeraria di Sant’Eusebio per concludersi con la pala del 1784 che rappresenta il martirio del patrono vercellese, dall’antico Duomo a cinque navate sul modello di San Pietro a quello attuale. Una serata senza dubbio ricca di Storia, cultura e fascinazioni sui passi della Storia Cristiana e riferimenti a situazioni locali di grande interesse storico-artistico.

Il Duomo di Vercelli, in quest'immagine non ancora
Il Duomo di Vercelli, in quest'immagine non ancora "ingabbiato" dai ponteggi
CuneoOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it