VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
10 December 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
26/01/2018 - Vercelli Città - Politica

MASSA E COMELLA CONVINTI: RESTITUIRE AI CITTADINI IL DIRITTO DI SCEGLIERE - Alle urne il più presto possibile - Un Commissario non farebbe di sicuro peggio - Cinque ipotesi sul futuro, compreso il pellegrinaggio a Lourdes

MASSA E COMELLA CONVINTI: RESTITUIRE AI CITTADINI IL DIRITTO DI SCEGLIERE - Alle urne il più presto possibile - Un Commissario non farebbe di sicuro peggio - Cinque ipotesi sul futuro, compreso il pellegrinaggio a Lourdes
Giorgio Comella e Maria Pia Massa

I “pizzini” dei Sindacati fatti trovare sui banchi dei Consiglieri Comunali nella giornata di ieri, 25 gennaio, non hanno impressionato (o forse negativamente) i Consiglieri di Sel e Voce Libera.

 

Leggi anche:


http://vercellioggi.it/dett_news.asp?titolo=VERCELLI__SI_CONSUMA_IL_DIVORZIO_&id=77150&id_localita=2

 

Se il Sindacato vuole aiutare la Giunta e Maura Forte, si prepari ad un appoggio trasparente in occasione delle elezioni amministrative che – ne sono convinti i due Consiglieri – devono esserci il più presto possibile.

 

Fine dei giochi, dunque, per una componente essenziale della maggioranza, che oggi come oggi è avviticchiata attorno all’asse tra Pd e CambiaVercelli.

 

Sono, però, solo undici Consiglieri su 32, che “non mollano”.

 

Ma l’opinione di Sel e Voce Libera è che “per il bene della città” si debba invece andare subito a votare, altrimenti il protrarsi della agonia potrebbe al più rappresentare “il bene di qualche partito o suo aggregato, ma non certo della città”.

 

I quali sarebbero gli unici a trarre qualche necrofila e parassitaria linfa dalla prosecuzione di un’ agonia che ormai è foriera di danni e non certo di vantaggi per la città.

 

Ecco di seguito, integrale, il comunicato: più oltre il commento con l’esposizione delle diverse alternative possibili.

 

***

 

“Dopo l’esito del Consiglio Comunale di ieri, ci resta solo l’amarezza per non aver potuto approvare le delibere a beneficio delle fasce più deboli della cittadinanza che erano in discussione.

 

Questi provvedimenti, che per noi erano stati una priorità politica già nel corso delle amministrazioni precedenti, avevano sostanzialmente determinato la nostra presenza in aula.

 

Non certo l’appello sindacale, sul quale peraltro ci identifichiamo, ma che è giunto sui banchi dei Consiglieri già presenti in aula.

 

E non certo le affermazioni e gli impegni assunti nelle giornate precedenti dalla Sindaca e dal suo Partito di riferimento, circa una ricomposizione della maggioranza a seguito della nostra lettera del 13 gennaio.

 

Abbiamo letto il comunicato della Prima Cittadina e, proprio appellandoci al “bene della Città” da lei stessa richiamato, crediamo ci debbano essere decisioni tempestive che consentano ai Cittadini di andare al voto nei tempi più brevi possibili.

 

Protrarre ulteriormente, anche per pochi giorni, questa situazione vorrebbe dire infilarci in un tunnel di commissariamento di un anno e mezzo.

 

Questo magari potrebbe rappresentare il “bene” per qualche Partito (o aggregato) politico ma non certo il bene della Città”.

 

I consiglieri di Sinistra e Voce libera

Mariapia Massa e Pier Giorgio Comella

 

***

 

Quali, ora, gli scenari possibili.

 

Il primo: il Sindaco accoglie l’invito a decisioni “tempestive” e rassegna le dimissioni entro “pochi giorni”.

 

Se – davvero – entro pochi giorni, sarebbe (ma forse è tardi) ancora possibile beneficiare della “finestra” del 24 febbraio 2018, che consentirebbe di andare alle urne nel maggio prossimo, 2018.

 

Quindi il periodo di commissariamento sarebbe ridotto al minimo.

 

Non che il Commissario – di per sé – faccia danni alla città.

 

Anzi.

 

I provvedimenti sulle tariffe li prenderebbe benissimo, magari verificando bene le compatibilità di bilancio, perché un Commissario non ha esigenze di tipo propagandistico.

 

Quindi se riforma del sistema tariffario e sgravi fiscali sono effettivamente sostenuti dalle compatibilità economiche necessarie, perché non dovrebbero essere approvati da un Commissario?

 

O bisognerebbe ritenere che il Commissario fosse ancor più sprovveduto di alcuni tra gli attuali estemporanei reggitori della Cosa Pubblica.

 

E di sicuro sarebbe difficile, per non dire impossibile, che si verificasse una circostanza del genere.

 

***

 

La considerazione è utile altresì per sgomberare (tentare di) il campo dalla mota di alcune trovate capziose ed ipocrite che non aiutano il sereno svolgimento del dibattito politico.

 

Non sta scritto da nessuna parte, infatti, che un Commissario governativo nominato per la temporanea reggenza farebbe il danno della città.

 

Il Commissario ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione.

 

Ci sono stati precedenti di periodi felicissimi di commissariamento, per esempio quelli affidati ad un galantuomo di grandissima esperienza come il compianto Prefetto Santo Corsaro.

 

***

 

Se – quindi – dovesse cadere la Giunta, non si farebbe alcun male la città.

 

Si farebbe male la Giunta.


Non sarebbe compromesso il futuro dei giovani vercellesi, sarebbe in forse o finito il futuro politico degli attuali Amministratori.

 

E da qui converrebbe partire per esaminare gli scenari possibili, da parte di chi, con buona volontà ed umiltà, penserebbe ancora possibile tentare una conciliazione, certo difficile.

 

Non è con le ipocrisie, né tanto meno con i sillogismi di ben scarso momento, che si riuscirà ad attirare l’attenzione delle persone per bene.

 

Persone per bene che potrebbero averne abbastanza – ad esempio – del continuo vilipendio del Consiglio Comunale da parte della Giunta.

 

Potrebbero averne abbastanza della supponenza con la quale si trattano argomenti importanti, quali quelli trattati nelle molte Mozioni approvate dal Consiglio e disapplicate ( talvolta con drammatica frivolezza: con le mozioni ci puliamo ) dalla Giunta.

 

Potrebbero altresì averne abbastanza delle furbate come quella di emanare Ordinanze per inibire il gioco d’azzardo lungo sei ore al giorno in molte, ma non in tutte, le sale da gioco, illudendosi così, forse, di avere una volta di più contrabbandato per vero ciò che è solo verosimile.

 

Potrebbero magari averne abbastanza di un atteggiamento servile da parte del Comune, nei confronti di Atena Asm Iren, alla quale vanno milioni di euro mal spesi che sono dei cittadini vercellesi.

 

Come è ancora dimostrato dal recente, raccapricciante, contratto per l’illuminazione a Led, che fa rabbrividire anche Amministratori di sinistra in Piemonte, che mai avrebbero immaginato possibile una cosa del genere.

 

Leggi anche:

 

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=77088

 

E quando finisce l’immaginazione, fatalmente si presentano i punti interrogativi.

 

***


Dunque ammettiamo – è difficile, ma in astratto formuliamo l’ipotesi – che il Sindaco rassegni le dimissioni nelle prossime ore.

 

Si apre un periodo di venti giorni assicurato dalla Legge proprio perché si proceda alla verifica politica necessaria per capire se possano ricomporsi le cose ed andare avanti o, invece, prendere atto che non si può.

 

In tal caso – e saremmo attorno al 15 o 16 di febbraio – il Consiglio potrebbe forse ancora essere sciolto entro il successivo 24 e così andare al voto a maggio 2018.

 

***

 

Ma il Sindaco potrebbe comunque – se le facesse piacere proseguire nell’incertezza – ritirare in ogni caso le dimissioni.

 

In qualsiasi momento nell’ambito dei 20 giorni.

 

Non sono dimissioni irrevocabili, oppure revocabili solo in caso di qualche formalizzazione di accordi.

 

Quindi, mani libere.

 

***

 

Il secondo scenario: il Sindaco non rassegna le dimissioni, ma i Consiglieri Comunali, di comune accordo, firmano le loro dimissioni collettive, nel numero necessario di almeno 17.

 

In tal caso non c’è, ovviamente, il periodo di “ripensamento” ed in qualsiasi momento ciò avvenga (le dimissioni collettive) il Consiglio sarebbe dichiarato decaduto e si procederebbe con la nomina del Commissario.

 

Se la decadenza fosse entro il 24 febbraio si voterebbe – anche in tal caso – entro maggio 2018, altrimenti si andrebbe a maggio 2019.

 

***

 

Ciò avverrebbe anche (terza ipotesi) nel caso in cui fosse approvata in Aula la Mozione di sfiducia presentata ieri dalle Opposizioni.

 

Stessa tempistica.

 

***

 

Quarta ipotesi: non si fa nulla di tutto questo ed i Consiglieri ormai delusi non si presentano più in Consiglio Comunale.

 

Di fatto non si potrebbe più riunirsi il Consiglio stesso per mancanza del numero legale.

 

Se invece – finalmente – qualcuno decidesse di sottoporre al Consiglio (che però dev’essere validamente riunito) la delibera di presa d’atto che la presenza necessaria in seconda convocazione scende a 11 Consiglieri (come indica lo Statuto)  allora il Consiglio potrebbe aprirsi, ma… c’è un “ma”.

 

Se la “maggioranza” fosse presente solo con undici Consiglieri, allora l’Opposizione, che può contare su 15 esponenti, sarebbe sempre in … maggioranza e quindi potrebbe cassare tutte le delibere proposte dalla Giunta.

 

Insomma, una vita adrenalinica al massimo.

 

Ma soprattutto, dal punto di vista istituzionale, una palude nella quale solo scafati guerriglieri potrebbero trovarsi a proprio agio.

 

Quinta ipotesi: torna tutto come prima; tutti fanno la pace e si continua fino a maggio 2019.

 

Quando si partirebbe per il più che doveroso pellegrinaggio a Lourdes.

 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it