VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
25 June 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
02/03/2018 - Vercelli Città - Cultura e Spettacoli

NELLA SPLENDIDA SALA DEI MARMI L'OMAGGIO A MARIO CASTELNUOVO TEDESCO - Il grande compositore ebreo perseguitato dai nazifascisti nel nuovo libro di Angelo Gilardino

NELLA SPLENDIDA SALA DEI MARMI L'OMAGGIO A MARIO CASTELNUOVO TEDESCO - Il grande compositore ebreo perseguitato dai nazifascisti nel nuovo libro di Angelo Gilardino
Angelo Gilardino ed Enrico De Maria


( g.g. ) - La nuova Sala dei Marmi della Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli ha ospitato, ieri, un notevole evento culturale: la presentazione del nuovo libro di Angelo Gilardino (Mario Castelnuovo-Tedesco: un fiorentino a Beverly Hills”) - libro che aveva già avuto l’onore di una passerella alla Sala della Regina di Montecitorio - seguito da uno splendido concerto, con musiche di Castelnuovo -Tedesco eseguite dal chitarrista di Castelfranco Veneto Alberto Mesirca e dal tenore fiorentino Leonardo De Lisi.

 

Dopo una breve introduzione  a cura del Presidente della Fondazione Fernando Lombardi, e un saluto del sindaco Maura Forte (presente con quasi tutta la giunta comunale), Gilardino ha conversato con il giornalista e amico Enrico De Maria, spiegando la scelta di dedicare un libro al “signorile umanista toscano” (come l’aveva definito Massimo Mila) sia nel cinquantesimo anniversario della scomparsa, sia a ottant’anni dalle ignominiose leggi razziali del fascismo che avevano costretto Castelnuovo - Tedesco, ebreo, a fuggire dalla sua Firenze per riparare negli Usa, appunto a Beverly Hills, in California.

 

Gilardino ha ricordato che gran parte del libro scaturisce dalla fittissima corrispondenza che egli, chitarrista non ancora ventiseienne e a quell’epoca (siamo tra il febbraio del ‘67 e il marzo del ‘68) ancora sconosciuto oltre i confini del nostro Paese, ebbe il privilegio di intrattenere con Castelnuovo - Tedesco appunto per oltre un anno: corrispondenza che gli cambiò letteralmente la vita e che si interruppe solo a causa della scomparsa del maestro, appunto nel marzo del ‘68 a 73 anni.

 

Sono state percorse le tappe angoscianti dell’esilio negli Usa, i vergognosi trattamenti subiti da parte delle persone che egli riteneva amiche (su tutti il compositore Alfredo Casella), ma anche i generosi aiuti ricevuti da veri amici, come il re della chitarra, Andrés Segovia.

 

E quindi la singolare amicizia con lo spietato ras dell’ultimo fascismo della Rsi Alessandro Pavolini, e poi le frequentazioni statunitensi con fior di musicisti, compresi gli allievi che poi fecero fortuna a Hollywood nel campo della musica da film, come Henry Mancini e John Williams.

 

Al termine del colloquio, la parola alla musica con un’entusiasmante performace chitarristica di Alberto Mesirca, che ha eseguito splendide pagine di Castelnuovo-Tedesco.

 

Gran finale con la Ballata dall’esilio, per chitarra e voce, musicata dal maestro fiorentino sulla  celebre ballata di Guido Cavalcanti, “Perch’i’ no spero di tornar giammai”. Prima della mirabile esecuzione di Mesirca-De Lisi, il testo di Cavalcanti è stato letto con grande sensibilità e trasporto da Roberto Sbaratto.

 

La Sala dei Marmi della Fondazione, che Lombardi si augura possa aprirsi a tutta la città, per iniziative di varia natura, ma soprattutto negli ambiti della cultura e del volontariato, non poteva avere un “battesimo” legato alla cultura migliore.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it