VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 7 dicembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
20/02/2015 - Vercelli - Economia

NEL DERBY VERCELLI Vs. CASALE SI IMPONE L’INNOVATIVO MODULO 4 - 4 - 1 DEL "MISTER" ROBERTO ROSSI - La partita per il Consiglio dell’Ordine forense decisa a tavolino: tutti (o quasi) contenti

NEL DERBY VERCELLI Vs. CASALE SI IMPONE L’INNOVATIVO MODULO 4 - 4 - 1 DEL "MISTER" ROBERTO ROSSI - La partita per il Consiglio dell’Ordine forense decisa a tavolino: tutti (o quasi) contenti
Roberto Rossi

La maggioranza degli illustri interpellati è stata (cortesemente) formale: per carità, non c’è proprio trippa per i gatti.

Una cosa tranquilla. Condivisa. A suo modo naturale.

Ma qualcuno invece si scopre un  po’ di più e dice che qual cosina, un pochino di trippa ci sarebbe stata. Come in ogni elezione, peraltro, niente di più.

Anche quando si tratta di una tenzone elettorale che si consuma nell’ovattato e felpato mondo di Legulei attenti a non tradire la minima emozione. Mai. Impassibili.

Ma questa volta, qualcosa di diverso dal solito è accaduto e, del resto, non sarebbe stato possibile pensare altrimenti.

Ma andiamo con ordine.

Elezioni per il rinnovo del Consiglio dell' Ordine, dunque, quello degli Avvocati di Vercelli.

Locuzione che mostra ormai il limite di un confine geografico forse un tempo idoneo a “geolocalizzare” la Categoria che gravita attorno agli Uffici Giudiziari di Piazza Amedeo IX, ma ora del tutto superata.

Perché?

Perché non bisogna dimenticare che sono recentemente cambiate alcune variabili non trascurabili nella vita di uno degli Ordini di Professionisti sicuramente più importanti.

La prima è ormai nota.

Da fine 2014 l’Ordine di Casale Monferrato è definitivamente confluito con (in) quello di Vercelli, come del resto già avvenuto per ogni altro aspetto dell’Amministrazione Giudiziaria, dopo l’unificazione dei Tribunali di Vercelli e Casale.

Sono altri 120 Avvocati che arrivano ad impinguare i ranghi della Categoria, fino a portare il totale degli iscritti a circa 400.

E’ chiaro che in una tornata elettorale nella quale devono trovare – in un Consiglio di 9 persone – espressione un po’ tutti, il problema della rappresentanza territoriale si pone “di natura”.

Ma vedremo che la questione non è stata così pacifica.

Altro problema territoriale, la rappresentanza della Valsesia, da almeno trent’anni assente dal Consiglio dell’Ordine. Si ricorda (forse) una remota presenza dell’Avvocato Enzo Barbano, appunto distante decenni.

Il secondo ordine di questioni è rappresentato dal fatto che una recente riforma dell’Ordinamento che riguarda le professioni vieta – ad esempio e tra l’altro – a chi faccia parte del Consiglio dell’Ordine di assumere incarichi dal Tribunale (soprattutto relativi a Curatele, ecc., ma non è del tutto esclusa da tali limitazioni anche l’orbita penalistica). Sono questioni “tecniche” che sostanzialmente dicono: chi è nel “direttivo” della Categoria non deve essere esposto a “conflitti di interessi” laddove tale posizione potrebbe rappresentare un vantaggio rispetto a molti Colleghi, nella relazione con i Dirigenti degli Uffici Giudiziari.

Ancora: ormai molta parte del “potere” che si esercitava un tempo in seno al Consiglio, cioè la competenza in ordine agli aspetti disciplinari nella Categoria, è stato avocato ad un Organismo regionale, di cui fanno parte tre Legali vercellesi (Massimo Mussato, Michela Mandosso, Laura Battezzato), ed altri tre a suo tempo eletti sono i casalesi, ma rispetto al quale il Consiglio locale ha perso completamente ruolo.

Infine (ultimo ma non per importanza): sempre in virtù delle nuove norme, ci sarebbe anche l’obbligo di presentare – per i componenti del Consiglio – e rendere pubblica la dichiarazione dei redditi e, insomma, ogni altra incombenza propria di chi faccia parte di un Organismo pubblico.

Come si vede, l’appel un tempo esercitato da un incarico obbiettivamente foriero di “potere” e prestigio si è decisamente ridotto.

Bastano tutte queste considerazioni per giustificare il completo turn over di punto in bianco fatto registrare con l’elezione di giovedì e venerdì della scorsa settimana, quando sono stati chiamati alle urne i 400 Avvocati del così unificato Foro di Vercelli e Casale?

Bastano sì e no.

Perché – anche accedendo alla impostazione ed alla ricostruzione “minimalista” della vicenda – bisogna dire che c’è stato un cambiamento profondo e radicale.

Certo, chi ha diretto la Categoria negli ultimi 20 anni ha fatto un passo indietro volontario. Volontario sì, spontaneo, forse.

Ma comunque, senza clamori e senza (troppe) tensioni.

Perché era anche albergata in qualche cuore la tentazione di avvalersi del singolare meccanismo elettorale dettato dalle nuove norme, cercando di conciliare la presenza di vecchi e nuovi vercellesi facendo completamente fuori i casalesi ed i valsesiani.

Come?

Facile: si presenta una lista bloccata di 10 vercellesi e – siccome i casalesi sono di meno – si piglia tutto. Insomma, il sistema elettorale (infatti in giro per l’Italia ci sono ricorso ai vari Tar ed al Consiglio di Stato su questa norma ben poco democratica) consente ad una maggioranza che sia tale anche per un solo voto di fare man bassa di tutti i posti, ancorchè fossero presentate più liste. L’opposto del sistema proporzionale. Maggioritario “feroce”.

Ed è a questo punto che entra in scena l’Avvocato Roberto Rossi, penalista di grande esperienza e conosciuto come persona particolarmente equilibrata: insomma, un Cristiano Scazzola degli Avvocati.

L’ultimo della vecchia guardia (presente nel Consiglio dell’Ordine da prima del 1998, poi la memoria anche dei bene informati si perde: insomma, Consigliere già dal Liceo) si impone.

Bando alle tentazioni egemoniche “bicciolane”.

Bisogna, anzi, cogliere questa occasione per favorire l’integrazione tra Avvocati di ogni area territoriale.

Sicchè il “Mister” Roberto Rossi prone di definire “a tavolino” il derby Vercelli – Valsesia Vs. Casale, con l’innovativo e modulo 4 – 4 – 1.

Cioè: quattro Avvocati di Casale, altrettanti di Vercelli e uno della Valsesia. Più il Presidente, Vercellese.

La proposta piace a molti, non a tutti, ma chi non è entusiasta non fatica a rassegnarsi.

E così è normale che la (meritata) Presidenza tocchi proprio al “mister”, Roberto Rossi, che guiderà la Categoria per i prossimi 4 anni.

Congratulazioni.

Ecco la sua “squadra” in ordine rigorosamente alfabetico: Elena Balbo (Casale), Danilo Cerrato, Maria Cristina Cossu (Vercelli), Sara Demaestri, Maria Grazia Ennas, Luciano Gualdi (Valsesia), Roberto Rossi, Tiziana Rota, Andrea Serrao

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.

Puoi aiutarci a crescere effettuando una libera donazione nelle modalità seguenti, illustrate cliccando questo link:

http://www.vercellioggi.it/donazioni.asp

Commenta la notizia su https://www.facebook.com/groups/vercelliogg

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it