VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
12 December 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
27/08/2017 - Vercelli Città - Mondi Vitali

PRO VERCELLI 0, FROSINONE 2 - Commenti e Pagelle di Enrico De Maria

PRO VERCELLI 0, FROSINONE 2 - Commenti e Pagelle di Enrico De Maria
La presentazione delle squadre al Piola, 26 agosto 2017

( enrico de maria ) - Il calcio sarà anche romanticismo, ma, spesso, è soprattutto sostanza e razionalità.

 

E la sostanza e la razionalità di questa sera dicono che tra Frosinone e Pro Vercelli, oggi, non può esserci partita.

 

Di là, una squadra costruita per vincere, con attaccanti che hanno sparato, e non certo a salve, anche in serie A; con un centrocampo di qualità e di potenza e con una difesa impeccabile.

 

Di qua, un attacco inesistente, un centrocampo assolutamente deficitario, eccezion fatta, ovviamente, per l’immenso Vives che, tuttavia, non può cantare e portare la croce.

 

Per fortuna, la difesa ha  retto discretamente e, quando non poteva reggere, si è aggiustata con l’esperienza  di Legati (bravo anche nel fare espellere l’iracondo Dionisi) e di Jidayi e con il carattere di Konate. Certo, la Pro può recriminare su un’entrata più che sospetta di Krajnc su Firenze al 30’ e pure sull’abbattimento di Bifulco, in piena area, proprio allo scadere. Ma, obiettivamente, non possiamo aggrapparci a queste cose: tra il Frosinone di Longo e la Pro di Grassadonia, oggi, non c’è storia.

 

La cronaca dice di una partenza cauta dei ciociari che, però, dopo un quarto d’ora si svegliano . Dionisi e Ciofani sprecano occasionissime a ridosso di Nobile, ma ci vuole una topica colossale di Mammarella, al 16', per far esultare gli uomini di Logo: il capitano della Pro sbaglia l’apoggio all’indietro verso Jidayn, si incunea Dionisi che stanga sotto la traversa un destro tonitruante.

 

La Pro cerca di reagire e al 30’, confeziona un’azione esemplare: cambio di gioco sublime di Vives da destra verso sinistra, a pescare Morra che traversa al volo: sul pallone su cui c’è scritto “bnasta spingere” piomba Firenze che però non trova la sfera e protesta per una possibile trattenuta di Krajnc. Non essendoci la Var, obiettivamente l’arbitro non può farci nulla (forse il segnalinee era assai meglio piazzato, ma la bandierina è rimasta immobile).

 

Non succede più nulla fino al 46', quando Nobile è assai bravo nel deviare una conclusione potente del solito Dionisi. La ripresa si apre con un’occasione davvero notevole per Morra, un’azione quasi fotocopia di quella che ha portato al gol di Dionisi. Stavolta l’errore è di Ariaudo, ma Morra non è Dionisi e il destro va largamente fuori. Poi la Pro ha un colpo di fortuna perché l’arbitro  (forse aiutato dal segnalinee) vede un duro intervento a palla lontanissima di Dionisi su Legati e caccia con il rosso diretto l’attaccante ciociaro. Grassadonia le prova proprio tutte per sfruttare la superiorità numerica, chiedendo a Vives di stringere i denti e farsi tutti i novanta minuti (e oltre), pur avendone nella gambe forse meno della metà, e facendo entrare tutti gli attaccanti, ma proprio tutti.

 

Ma letteralmente, eccezion fatta per Rovini, nessuno becca letteralmente palla contro la retroguardia ospite, ed è invece il Frosinone a chiudere il conto con Paganini, che approfitta di un’incertezza di Konate per avanzare sulla sinistra, accentrarsi e freddare Nobile di sinistro,. Nel finale, un paio di ragguardevoli incursioni di Rovini (una conclusa con un sinistro da applausi appena alto) e il rigore non rilevato su Bifulco, quasi sul fischio finale.

 

Morale: se la Pro non si rafforza a centrocampo (dove i piedi buoni di Palazzi ed Emmanuello non sono stati sostituiti) e davanti , non riusciamo a intravedere, pur con tutto l’affetto verso società e squadra, un futuro radioso. 

 

E sabato, incombe l’Ascoli che sarà furente per la sconfitta odierna di Cittadella (2 a 3).

 

LE PAGELLE.

 

NOBILE. Un grande intervento, anche un po’ coreografico, su Dionisi allo scadere del primo tempo. Bravo nei disimpegni palla al piede e incolpevole sui gol: 6,5

 

LEGATI. Ingaggia un duello quasi rusticano con Dionisi e riesce ad esasperarlo al punto di fargli sventolare il rosso diretto sotto il naso. Si batte con carattere e mestiere: 6

 

JIDAYI: eccellente esordio. L’esperienza gli consente di chiudere gli spazi a a bomber temibilissimi. Forse sbaglia nel calcolare i tempi giusti di chiusura sul raddoppio di Paganini: 6,5

 

KONATE: All’inizio appare un po’ timoroso e meno lucido del solito, poi si riprende bene, ma è in ritardo sull’incursione di Paganini che ci costa il raddoppio: 6

 

BERRA: E’ titubante e arrischia assai poco in avanti, forse per rispettare le consegne tattiche: 5,5

(dal 68’ BIFULCO: S.V. – si conquista un rigore, ma il segnalinee non se ne accorge)


GERMANO: Schierato in un ruolo che non gli si confà, incide assai poco nella manovra: 5

 

(Dal 62’ POLIDORI: Non la vede mai, proprio mai: 5)

 

VIVES: Semplicemente monumentale. Ha nelle gambe non più di un  tempo, ma Grassadonia gli chiede il sacrificio, e lui non dice di no. Giocate sempre essenziali e precise, lanci a tagliare il campo che sanno di categoria superiore. Nel finale, come è ovvio, un po’ rifiata, Ma avercene come lui…7

 

ALTOBELLI: Corre per tre, ma l’impegno non basta per dare sostanza e qualità al centrocampo: 5,5

 

(dalL’84’ ROVINI: pochi minuti dovrebbero essere segnalati con il S. V., invece rileviamo un paio di guzzi interessanti, soprattutto un bellissimo sinistro da molto lontano, alto di un nonnulla: 6,5

 

MAMMARELLA: Serata disastrosa, e non solo per l’errore che spiana la strada al Frosinone. Spiace criticare un esempio di dedizione e professionalità, ma non possiamo esimerci da un chiaro 5

 

FIRENZE: Le attese erano tante. Desaparecido: 5

 

MORRA: Si impegna allo spasimo, ha lampi efficaci, serve un a palla meravigliosa a Firenze. Però non vede mai la porta e, per una, nella fattispecie, prima punta, non è bello: 5

 

GRASSADONIA: Cerca di imbrigliare il gioco del Frosinone costruendo un 3-5-1-1 assai prudente; purtroppo Morra non è il Bianchi della scorsa stagione. Nel finale cerca di sfruttare la superiorità numerica , lanciando all’arma bianca tutte le punte. Purtroppo non la beccano mai contro una retroguardia ospite munita e ben attrezzata. La partita di Ascoli, ne siamo certi, dirà di più anche su di lui: 5,5

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it