VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
10 December 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
18/08/2017 - Vercelli - Cronaca

RETE IDRICA, LA SFIDA DEL FUTURO E' GIA' PARTITA - Acquedotti in mano agli Enti Pubblici, unico Gestore pubblico di un bene primario

RETE IDRICA, LA SFIDA DEL FUTURO E' GIA' PARTITA - Acquedotti in mano agli Enti Pubblici, unico Gestore pubblico di un bene primario
La torta di Ato2 scarl


( g. g. ) – Bisogna partire da questa torta.

 

Bisogna partire da qui – dalla torta e soprattutto dai suoi “ingredienti” -  per incominciare a capirci qualcosa sulla partita più grossa di sempre che si giocherà nel nostro territorio.

 

Dovrà giocarsi a carte scoperte.

 

Tutto pubblico e pubblicato da subito.

 

Perché si parla di acqua.

 

E quindi, niente nuoto in apnea, men che meno con bombole e respiratore.

 

Tutto in superficie.

 

Quando abbiamo incominciato a capire come si stessero posizionando le truppe, a giugno di quest’anno abbiamo proposto il tema, scrivendo un modesto articolo di giornale che riproponiamo:

 

http://vercellioggi.it/dett_news.asp?id=73879

 

Tre gli argomenti per una possibile iniziativa civica che tutelasse gli interessi pubblici e della Pubblica Amministrazione: con Amazon disponibili, ma non docili. Riformare la macchina comunale. Riprendersi le reti idriche.

 

Per i primi due conviene rassegnarsi subito e ripassare dopo il 2019, intanto non muore nessuno.

 

Ma il terzo, riappropriarsi della rete idrica comunale recuperandola  al controllo pubblico (ora è di Atena, quindi di Iren), invece bisogna muoversi subito.

 

***

 

Il nostro articolo di giugno scorso forse non ci ha procurato ulteriori simpatie rispetto a quelle che già ci onorano di riguardi.

 

Non importa, non è la prima e non sarà l’ultima volta.

 

***

 

Il problema è molto semplice: la rete idrica, l’acquedotto, della città di Vercelli dovrà tornare ad essere di proprietà del Comune.

 

E questa è la fase uno.

 

Poi c’è la fase due: si dovrà costituire un unico gestore pubblico.

 

E’ opportuno che si costituisca un unico gestore pubblico?

 

Non solo è opportuno, ma necessario, per ragioni di economicità di gestione e per rispondere a indirizzi di Legge che sono chiari.

 

***

 

Se l’obbiettivo è semplice e chiaro, anche i percorsi per raggiungerlo dovranno essere intelligibili e lineari.

 

Tutto semplice.

 

Lo speriamo vivamente.

 

Le scadenze: formalmente sono distanti.

 

Perché – come si può leggere con maggiore dovizia di particolari nel nostro articolo del giugno scorso – il momento in cui il Comune di Vercelli può esercitare l’opzione per tornare in possesso e nella proprietà del proprio acquedotto è a giugno 2020.

 

Invece, da un lato, se si vuole effettivamente essere pronti per quella data occorre incominciare a muoversi ora.

 

E, dall’altro lato, i movimenti si sono già iniziati comunque.

 

E, quindi, hic Rhodus, hic salta.

 

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it