VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 30 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
14/09/2020 - Biella - Cultura e Spettacoli

SUONI IN MOVIMENTO - Percorsi sonori nella rete museale biellese III edizione. Andata e Ritorno - Progetto Giovani. Protagnisti a Sordevolo il quintetto Obiettivo Orchestra

SUONI IN MOVIMENTO - Percorsi sonori nella rete museale biellese III edizione. Andata e Ritorno - Progetto Giovani. Protagnisti a Sordevolo il  quintetto Obiettivo Orchestra

L'appuntamento di domenica 20 settembre previsto a Sordevolo e inserito nel calendario della rassegna Suoni in Movimento riveste numerose curiosità e valenze sia in ambito musicale sia per quanto riguarda la valorizzazione dell’immagine della provincia e la valorizzazione un "sistema culturale biellese" volto a far conoscere il patrimonio artistico locale. Il concerto al centro delle due visite guidate si colloca nell'ambito del Progetto Giovani coordinato da Camilla Patria e Tommaso Fiorini e vedrà sulla scena il quintetto d'archi che nasce nell’ambito dei corsi di perfezionamento “Obiettivo Orchestra” tenuti dalle prime parti della Filarmonica Teatro Regio Torino presso la scuola di alto perfezionamento musicale di Saluzzo, dove tutti i componenti hanno avuto modo di studiare e approfondire il repertorio d’orchestra. Esso è il frutto della nuova recente e importante collaborazione dell'Associazione N.I.S.I.ArteMusica con Esperienza Orchestra dell’Orchestra Filarmonica Teatro Regio Torino. Il concerto avrà luogo alle 16.30 sul Sagrato della Chiesa Parrocchiale o all'interno della stessa in caso di maltempo e il programma proposto accosterà tre brani tra loro molto differenti per epoca, stile e durata.

Al centro del programma vi è l’importante Quintetto no. 2 in Sol maggiore op. 77 di Dvorak, composizione del 1875 di ampio respiro divisa in 4 movimenti. A fare da cornice due brani decisamente più brevi, il celeberrimo primo tempo tratto da Eine Kleine Nacht Musik di Mozart e in prima esecuzione assoluta “Aneile”, brano del giovane compositore Federico Pianciola allievo della classe di Composizione del M.o Aldo Sardo al Conservatorio di Torino e commissionato per l’occasione, quindi in prima esecuzione assoluta. Il Progetto Giovani testimonia l’impegno nella ricerca di nuovi linguaggi e nella promozione delle espressioni della contemporaneità, rivolgendosi ad un pubblico sempre più vasto, con particolare riguardo alle giovani generazioni inserendo nei programmi le loro opere da eseguirsi in prima assoluta. Le due visite guidate saranno così strutturate: alle 15.30 la prima visita si svolgerà presso l'Anfiteatro Giovanni Paolo II in quanto il Museo della Passione di Sordevolo, allestito all’interno della Chiesa di Santa Marta e nel quale sono racchiusi i duecento anni di storia della rappresentazione della Passione di Cristo, è attualmente sottoposto a lavori di restyling che miglioreranno gli spazi, rinnoveranno le strutture espositive e lo arricchiranno di nuovi contenuti. Quest’anno, perciò, in sostituzione delle tradizionali visite, il Museo ha deciso di regalare al proprio pubblico un’opportunità unica e irripetibile: vivere in prima persona all’interno del set della Passione. Il cantiere della scenografia in costruzione si è trasformato in un “Museo a cielo aperto” in cui è possibile visitare l’area scoprendo la storia della Passione direttamente nell’Anfiteatro dove lo spettacolo si svolge e pur senza poter accedere alle strutture per ragioni di sicurezza, è possibile vedere ciò che di solito rimane celato, come il “dietro le quinte” e tutte le imponenti strutture che reggono le scene. Tutto il lavoro di costruzione della scenografia era, infatti, iniziato in previsione delle rappresentazioni 2020 che sono state poi posticipate all’estate 2021 a causa dell’emergenza Covid-19. Al termine del concerto alle 17.30 la seconda visita si svolgerà presso l'Archivio Lanifici Vercellone allestito in via permanente nelle sale riccamente decorate del Palazzo Comunale dove si compie un viaggio nella storia di un’impresa di famiglia che si apre al mondo, tra il 1730 e il 1899. L’archivio, unico per completezza, è raccontato attraverso l’immersione in una cabina di proiezione che valorizza i campionari tessili, due audiovisivi, una app navigabile che consente di perdersi tra i documenti attraverso dieci percorsi diversi: l’acquisto della lana, il lavoro in fabbrica, la tintoria, i campionari, le raccolte di tendenza, i rapporti con la città di Elbeuf, i viaggiatori, le vendite, le sedi dell'azienda, il palazzo.

Domenica 20 settembre - Sordevolo –Museo della Passione/Archivio Lanificio Vercellone

ore 15.30 I visita guidata al Museo della Passione presso l'Anfiteatro Giovanni Paolo II

ore 17.30 II visita guidata Archivio Lanifici Vercellone (Palazzo Comunale)

ore 16.30 concerto Sagrato della Chiesa Parrocchiale (Interno Chiesa in caso di maltempo) Progetto Giovani – Concerto interattivo nell'ambito di Esperienza Orchestra della Filarmonica del Teatro Regio Torino Roberta Lioy, Rebecca Innocenti violini, Giorgia Lenzo viola, Camilla Patria violoncello, Tommaso Fiorini contrabbasso

Musiche di Mozart, Pianciola, Dvorak

Roberta Lioy, nata a Venosa nel 1995 si è diplomata in violino con il massimo dei voti, lode e menszone speciale presso il conservatorio “E. R. Duni” di Matera sotto la guida del M.tro Francesco Sacco. Nel 2017 ha conseguito con il massimo dei voti il diploma di alto perfezionamento del corso di musica da camera presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e concluso il biennio in violino presso il conservatorio "O.Respighi" di Latina sotto la guida del M.tro G. Rovighi con votazione 110/110 cum laude. Ha seguito corsi di alto perfezionamento con numerosi Maestri di fama internazionale. Ha partecipato a diversi concorsi nazionali ed internazionali ottenendo sempre primi posti. Ha preso parte ad importanti tournèe: New York, Berlino e Amburgo come concertino dei primi violini e come spalla nei concerti tenuti a Gerusalemme, Ginevra, Milano e Matera sempre con l’orchestra del Conservatorio di Matera. A seguito di una cospicua attività cameristica nata all'interno del conservatorio , fa il suo esordio anche nelle vesti di solista con alcuni recital per violino, suonando l' "Inverno" dalle "Quattro Stagioni" di Vivaldi in numerosi concerti tenuti in Italia, come vincitrice del "Premio Allievi" 2013, il concerto per violino e orchestra in re maggiore di P.I. Tchaikovsky e nel 2016 il concerto di F. Mendelssohn in mi minore con l’orchestra della città di Latina. Inoltre nel febbraio 2017 suona da solista il Triplo concerto di Beethoven con l’orchestra “Magna Grecia” di Taranto e replica il concerto con l’orchestra della Città di Latina nel maggio 2018. Attualmente studia presso l’Accademia pianistica di Imola “ Incontri col Maestro” sotto la guida del M.tro Maurizio Sciarretta.

Rebecca Innocenti, a nove anni è entrata al conservatorio di Torino col M. Massimo Marin. Nel 2013 ha iniziato il triennio a Modena col M. Stefano Pagliani, diplomandosi nel 2017 con 110 e lode. Ha conseguito il biennio col massimo dei voti a Torino col M. Sergio Lamberto. Ha collaborato con diverse orchestre tra cui I musici di Parma, l’orchestra filarmonica G. Rossini di Pesaro, e l'orchestra filarmonica di Milano. Ha vinto diverse borse di studio, come la Yo Yo per l’orchestra regionale toscana e due volte la Listen 2.0 per l’orchestra Leonore di Pistoia. Ha vinto nel 2016 l’audizione per l’orchestra giovanile del Mediterraneo, ed è arrivata prima nel 2017 all’audizione per l’orchestra del teatro Olimpico di Vicenza, con la quale collabora tuttora insieme alla Filarmonica di Torino e all’orchestra filarmonica Italiana. A giugno del 2018 è risultata tra gli idonei al concorso per l'orchestra di Padova e del Veneto con la quale ha costanti collaborazioni. Inoltre da febbraio 2019 ha collaborato spesso col Teatro Regio di Torino e con la Filarmonica del teatro.

Giorgia Lenzo si è diplomata al Conservatorio “G. Verdi” di Torino in violino col massimo dei voti e in viola con la Lode, con Umberto Fantini e Mauro Righini. Perfezionatasi poi con Giacomo Agazzini e Simone Briatore presso l'Accademia di musica di Pinerolo, dopo aver ricoperto il ruolo di violino solista nell’opera “Pollicino” di Hans Werner Henze presso il Teatro Regio di Torino, ha intrapreso un percorso quasi esclusivamente cameristico. É stata membro per qualche anno del Quartetto Echos, con il quale ha ottenuto il Premio della Critica Musicale Italiana “Franco Abbiati” - Premio “A.Farulli” ed.2016 , il Primo premio assoluto al concorso di musica da camera “Gasparo da Salò”ed il Secondo premio al concorso nazionale per quartetti d’archi “Sergio Dragoni". Ha frequentato il corso di quartetto alla Scuola di musica di Fiesole tenuto dai membri del Quartetto Belcea e del Quartetto Ysaye, e corsi di alto perfezionamento con Lukas Hagen, Eckart Runge, Hatto Beyerle, Patrick Judt, Simon Rowland-Jones, Sergei Bresler, Prazàk Quartet e Quartetto di Cremona. Attualmente affianca nuovi progetti cameristici a collaborazioni orchestrali con la Filarmonica di Torino, la Filarmonica del Teatro Regio di Torino ed altre.

Camilla Patria, inizia gli studi di Violoncello al Conservatorio di Torino nel 2006 con il padre e poi con M. Macrì, diplomandosi nel 2014 con Lode. Prosegue i suoi studi presso il CSI di Lugano con E. Dindo, conseguendo il Master of Arts in Music Performance e presso il Conservatorio di Torino ottenendo il Diploma Accademico di II livello in Musica d’Insieme con Lode nella classe di Claudia Ravetto, specializzandosi nella formazione di duo violoncello e contrabbasso. Vincitrice di concorsi nazionali ed internazionali, si è esibita come solista con orchestre quali Orchestra Filarmonica di Stato di Craiova, Orchestra Camerata Ducale di Vercelli, Orchestra Camerata Vienna e Orchestra di Sanremo. Si è perfezionata come solista e camerista con artisti di chiara fama quali: B. Canino, B. Giuranna, N. Gutman, T. Demenga, U. Clerici, E. Bronzi, L. Hagen, A. Lucchesini. Nel 2015 e 2016 vince la borsa di perfezionamento “Talenti Musicali, Fondazione CRT”. Nel 2017 partecipa come borsista a “Professione Orchestra” realizzato dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, e “Obiettivo Orchestra” della Filarmonica del Teatro Regio di Torino, vincendo per quest’ultimo l’audizione finale come prima idonea. Collabora con varie realtà quali l’Orchestra Filarmonica di Torino, l’Orchestra Teatro Regio Torino, l’Orchestra dell’Arena di Verona, l’Orchestra Regionale Toscana, l’orchestra I Pomeriggi Musicali, LaFil Filarmonica di Milano, l’Orchestra Camerata Ducale, la Filarmonica Ettore Pozzoli, l’ensemble Sentieri Selvaggi.

Tommaso Fiorini, intraprende lo studio del contrabbasso presso la Scuola Civica di Musica di Milano con P. Rizzi, diplomandosi nel 2017 con lode e Menzione d'onore. Nel 2020 consegue il Diploma Accademico di II livello al Conservatorio di Torino con D. Botto ottenendo il massimo dei voti e la lode. Ha conseguito inoltre il biennio pre-accademico di Composizione ed Introduzione alla Direzione d'Orchestra presso la Scuola Civica di Milano e ha frequentato il Corso Singolo di Musica d’Insieme presso il Conservatorio di Torino approfondendo la formazione di duo violoncello e contrabbasso. Si è perfezionato con artisti di chiara fama quali J. Bradetich, W. Grimmer, G. Siragusa, T. Cobb, T. Martin, S. Sciancalepore, C. Rotaru, W. De Boevé. Ha collaborato e collabora con diverse orchestre e formazioni tra le quali Orch. Filarmonica Teatro Regio Torino, Orch. Filarmonica Teatro Comunale di Bologna, Orch. LaFil di Milano, Orch. Camerata Ducale di Vercelli, MDI ensemble, Duo Patria-Fiorini, Woody Gipsy Band, Innesco Trio, Le Barricate Misteriose. Nel 2017/18 e 2018/19 partecipa a "Obiettivo Orchestra", corso annuale di perfezionamento sul repertorio d’orchestra realizzato dalle prime parti della Filarmonica del Teatro Regio di Torino, superando l'audizione finale in qualità di primo idoneo per due anni consecutivi. Nel 2018 ottiene il primo premio al Premio Nazionale delle Arti per la sezione contrabbasso.

Polistrumentista di formazione classica, Federico Pianciola inizia lo studio dell'oboe e della composizione classica presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino già durante le scuole medie. Successivamente abbandonerà gli studi musicali per laurearsi al Politecnico di Torino, ma in seguito riprenderà lo studio della composizione con Paolo Tonini Bossi e Aldo Sardo sempre presso il Conservatorio di Torino. Nel frattempo studia chitarra jazz con Gabriele Ferian, lavora come fonico con il violoncellista torinese Lamberto Curtoni, partecipa a diverse formazioni underground torinesi (è membro fondatore di Indianizer, che abbandona nel 2014 ma di cui resta produttore in fase di registrazione) e svolge regolarmente attività di fonico da studio presso il Mandala Studio di Torino. Aneile (aoristo da anaireo “prendere su di sé”) è il verbo utilizzato in greco antico per indicare il processo grazie al quale una sacerdotessa o un sacerdote viene posseduto da una divinità ed emette vaticini. In questo brano il quintetto viene ripetutamente posseduto da entità estranee ed eterogenee (frammenti dei quintetti di Dvorak e Mozart, scale tradizionali indiane, imitazioni ritmiche e canoniche, modi antichi) da cui cerca di divincolarsi senza però riuscirci, arrendendosi infine in una cadenza che unisce il marwa that indiano con una successione accordale ricavata da un organum di Perotino.

 

Informazioni:

Ingresso gratuito

L’accesso ai concerti è libero e consentito nel rispetto della normativa vigente anti contagio da covid 19 in vigore e successivi aggiornamenti.

In considerazione del numero di posti ridotti nel rispetto del distanziamento è vivamente consigliata la prenotazione per il concerto tramite sms o whatsapp al numero telefonico 370/3031220

 

CALENDARIO PROSSIMI APPUNTAMENTI:

Domenica 27 settembre - Cossato fr. Castellengo - Ecomuseo del cossatese e delle Baragge

ore 15.30 visita guidata all'Ecomuseo

ore 16.30 concerto Chiesa dei SS. Pietro e Paolo El Cimarron ensemble duo “Danze”. Christina Schorn Mancinelli chitarra, Ivan Mancinelli marimba. Musiche di Lombardi, Piazzolla, Rosauro, Em Walter, Koppel

Ritorno

Domenica 4 ottobre – Biella, borgo storico del Piazzo Palazzo Gromo Losa

ore 15.30 I visita guidata

ore 17.30 II visita guidata

ore 16.30 concerto Auditorium “Omaggio a Ludwig van Beethoven” 250° anniversario della nascita di Beethoven “Caro Beethoven” dall'epistolario del compositore. Sabrina Lanzi pianoforte. Letture a cura di Elena Ballario

Domenica 11 ottobre - Biella – Museo del territorio biellese

 ore 15.30 visita guidata

 ore 16.30 concerto Basilica di San Sebastiano “Barocco italiano - La musica da camera di Domenico Scarlatti” Ensemble Festa Rustica con copie di strumenti originali. Rita Alloggia soprano, Carlo Lazzaroni violino barocco, Matteo Scarpelli violoncello barocco, Luca Ambrosio clavicembalo, Giorgio Matteoli flauto dolce e M° di Concerto

Andata

Domenica 25 ottobre - Candelo – Ecomuseo della vitivinicoltura

ore 15.30 visita guidata Ricetto

 ore 16.30 concerto Sala Affreschi Quartetto SE.GO.VI.O. in “Danze”. Salvatore Seminara chitarra, Stefano Gori flauto, Paolo Vignani fisarmonica, Gabriele Oglina clarinetto. Rota, Dvorak, Bacalov, Piazzolla

Ritorno

Domenica 8 novembre – Biella - Borgo storico del Piazzo Palazzo Gromo Losa

ore 15.30 visita guidata

ore 16.30 concerto Auditorium “Capolavori Schubertiani” Nuovo Insieme Strumentale Italiano. Franco Mezzena violino, Enrico Carraro viola, Camilla Patria violoncello, Sergio Patria violoncello, Tommaso Fiorini contrabbasso, Elena Ballario pianoforte. Musiche di Franz Schubert.

Redazione di Vercelli

 

TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto

CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it