VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
20 October 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
06/08/2018 - Torino - Politica

TORINO - Batzella (Mli) Numero unico di emergenza 112: " Assessore Saitta il servizio è inefficiente, serve una centrale operativa interforze. Basta mettere a rischio la vita delle persone"

TORINO - Batzella (Mli) Numero unico di emergenza 112: " Assessore Saitta il servizio è inefficiente, serve una centrale operativa interforze. Basta mettere a rischio la vita delle persone"
Stefania Batzella (Facebook)

“Quello che raccontano oggi i quotidiani è una storia terribile: due ragazze in pericolo, aggredite da un uomo nudo, hanno chiamato il 112 per chiedere aiuto, ma l’operatore ha continuato a fare domande e non ha inviato i soccorsi. Le donne sono riuscite a scappare e hanno denunciato l’accaduto. L’episodio, che non è un caso isolato, mostra ancora una volta l’inefficienza del modello del numero unico di emergenza. Cosa aspetta l’assessore Saitta a intervenire concretamente per risolvere i problemi?”.

Lo afferma la consigliera regionale di Movimento Libero Indipendente, che soltanto lo scorso 31 luglio ha presentato in Aula un’interrogazione sulle criticità del Numero 112, chiedendo l’istituzione, in via sperimentale, di una centrale operativa interforze, come richiesto anche da sette sigle sindacali dei vigili del fuoco, della polizia e delle professioni infermieristiche Nursind che fin dall’introduzione del servizio in Piemonte, cioè da marzo 2017, ne denunciano le mancanze e i problemi. “Questo modello – dice Batzella deve essere rivisto. Saitta continua a ripetere che nel complesso funziona e allo stesso tempo che ci sono aspetti da migliorare. E allora cosa aspetta a farlo? Le due ragazze hanno rischiato davvero grosso. E se fossero state stuprate o uccise chi avrebbero dovuto ringraziare?”.


Batzella sottolinea che “il sistema fa acqua da tutte le parti e le continue denunce da parte dei sindacati trovano riscontro in questi spiacevoli fatti di cronaca. Nel caso delle due donne era necessario l’invio immediato di una volante. Perché non sono state allertate le forze dell’ordine? Una centrale interforze migliorerebbe e renderebbe più efficiente il servizio e avere del personale formato, composto da professionisti del soccorso, offrirebbe ai cittadini risposte rapide e immediate”.
“E’ ora che la giunta regionale si assuma le sue responsabilità
– conclude la consigliera di Mli – e presti attenzione a quello che accade sul territorio. Il modello 112 ha bisogno di una revisione e ne ha bisogno subito”.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Editrice: "PIEMONTE OGGI SRL" - P.I./C.F. 02547750022 - Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@biellaoggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.a.s - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it