VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 28 novembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
27/04/2016 - Vercelli Città - Politica

TRIPPA PER I GATTI / 343 - Da San Donà di Piave la mazzata sugli accattoni milionari di Palazzo Civico - La Giunta sopravviverà altri 3 anni nelle loro mani - Adriano Brusco scova un parere del Ministero dell'Economia

TRIPPA PER I GATTI / 343 - Da San Donà di Piave la mazzata sugli accattoni milionari di Palazzo Civico - La Giunta sopravviverà altri 3 anni nelle loro mani - Adriano Brusco scova un parere del Ministero dell'Economia

Se suono il piano chissà
voi mi farete le feste
e non soltanto a Trieste
e non soltanto a Trieste

se suono il piano chissà
voi mi farete le feste
e non soltanto a Trieste
ma anche a San Donà del Piave
ma anche a San Donà del Piave
ma anche a San Donà del Piave
ma anche a San Donà e a Bogotà

 

Così cantava  il mai dimenticato Lelio Luttazzi con Sylvie Vartan a Doppia Coppia, sull’aria di “El can de Trieste”.

 

https://www.youtube.com/watch?v=uVD8HiE-FNQ

 

Cosa c’entra la cittadina del veneto friulano con Vercelli?

C’entra eccome.

 

Ed a rinvenire un legame che potrebbe rivelarsi di difficilissima gestione per Palazzo Civico è l’infaticabile Consigliere e Capogruppo penta stellato Adriano Brusco.

 

L’argomento è ancora quello dell’accattonaggio fastidiosamente messo in atto da milionari palatini.

 

Guarda anche:

 

http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?titolo=TRIPPA_PER_I_GATTI_/_342_-_Finti_poveri__mendicità_&id=67319&id_localita=2

 

Quella quota di iscrizione all’Ordine degli Architetti, che percettori di stipendi da 100 mila euro l’anno, osano porre a carico delle casse comunali, con il beneplacito di tutti.

 

Anche di chi – ma lo vedremo meglio dopo – deve firmare le vergogne che le portano alla firma svergognati Satrapi che però – loro – non mettono la faccia.

 

Proprio come quelli di San Damiano che tirano la pietra e nascondono la mano.

 

Ma andiamo con ordine.

 

***

 

Dunque si conosce già la triste vicenda di quei 250 euro che la Dirigente dei Lavori Pubblici si è auto “determinata” a concedersi per rimborsarsi la quota di iscrizione annuale all’Ordine degli Architetti.

 

Persino l’Amministrazione di Andrea Corsaro, negli ultimi due anni, aveva stoppato la cosa.

 

Si vede che proprio non la poteva reggere.

 

E la funzionaria aveva abbozzato.

 

Poi, il Bengodi.

 

Perché nella Giunta Corsaro c’erano ben tre (compreso il Primo Cittadino) Avvocati: con lui Roberto Scheda e Luigi Michelini.

Quindi risultava difficile, quando questi ritenevano di doversi in qualche modo tutelare, eccepire.

 

Ora è tana liberi tutti.

 

Solo negli ultimissimi tempi è arrivato in Giunta Mario Cometti.

 

Ma all’epoca di questi tristi fatti non c’era ancora.

 

Sicchè, citando maldestramente una sentenza della Corte di Cassazione, ecco i Satrapi di nuovo rendersi lecito il ciucciare anche questi 250 euro.

 

Perché al posto di Michelini, Corsaro e Scheda adesso abbiamo – ad esempio – Carlo Nulli Rosso.

 

E già par di vederlo che – intanto – deve incominciare a capire bene se la sentenza sia del Consiglio di Stato, della Corte di Cassazione o eventualmente di quella Costituzionale.

 

Perché magari il fotogenico Assessore alle piscine chiuse già potrebbe non afferrare immediatamente che bisogno potrebbe mai esserci di tre Organismi e perché, quando forse uno sarebbe più che sufficiente: Costituzione, Stato, Cassazione, Archivio di Stato, Ufficio del Registro, tutto fa brodo.

 

E in ogni caso il punto di partenza è questo.

 

E allora giù a sfornare la nuova determina, che intanto poi, quando deve rispondere alla prima interrogazione sull’argomento, quella che le rivolgono i Consiglieri Enrico Demaria, Maurizio Randazzo e Stefano Pasquino, la firma la mette il Sindaco, mica loro.

 

***

 

Così la disdicevole cappella la prende il Primo Cittadino in persona.


Guardate, Signori Cari – sintetizziamo la risposta all’interrogazione, che data 7 aprile scorso – che è intervenuta la sentenza della Cassazione Sezione Lavoro.

 

E poi, ci sono altri riferimenti dai quali deduttivamente possiamo concludere (a differenza di Corsaro e Co. i quali avevano dato una “interpretazione restrittiva” sul punto) che un Architetto deve fare dei progetti.

 

Insomma, mica possiamo depauperare il patrimonio della Professionista.

 

E forse Corsaro, Scheda e Michelini credevano che la Professionista, invece dei progetti, magari lavorasse all’uncinetto: magari non avevano valutato questo, chissà.

 

***

 

Che brutta figura.

 

Perché ora arriva Adriano Brusco e scova nientemeno che un parere del Ministero dell’Economia e delle Finanze interpellato proprio su questo argomento dal Comune di San Donà di Piave.

 

E finalmente ci siamo.

***

 

Perché effettivamente, quella sentenza della Sezione Lavoro, un po’ di scompiglio nell’ambiente l’aveva creato, stuzzicando gli appetiti dei mendicanti un po’ di tutta Italia che forse avranno creduto in nuove opportunità di interpretazioni, appunto “estensive” delle – già chiare – norme precedenti.

 

Il parere è allegato in pdf al presente articolo e lo capirebbe benissimo anche l’Assessore Nulli Rosso, quindi figuriamoci gli altri.

 

http://www.piemonteoggi.it/pdf_news/27042016104855_mef_rgs_19102015_79309_prot.pdf


Vale la pena di leggerlo.

 

Ne riassumiamo due passaggi.

 

Il primo: le attività come quelle dei Tecnici “l’iscrizione al relativo Albo professionale non assume, in via generale, carattere obbligatorio ai fini dell’espletamento dell’attività” bastando come richiama Brusco, l’abilitazione professionale.

 

Il secondo: il rimborso è ammesso nel caso in cui il Comune accerti “il carattere esclusivo dell’esercizio dell’attività professionale in regime di subordinazione (…)”.

 

Significa che il dipendente deve lavorare esclusivamente per l’Ente e il Ministero è ancora più chiaro:”laddove sussistano entrambe le predette condizioni”.

 

E qui cascherebbe in ogni caso, se non l’asino, quanto meno l’accattone, perché è chiaro che certi dipendenti del Comune arrotondano a tutto spiano con il beneplacito degli Amministratori.

 

***

 

Una domanda potrebbe sorgere spontanea: ma perché tutta questa attenzione ad un problema di 250 euro?

 

Come avremo modo di illustrare più compiutamente nel corso di prossimi servizi, è sempre vero che se non si è fedeli nel poco, non si è fedeli nel molto.

 

E’ quindi più che comprensibile che i Consiglieri di minoranza si preoccupino a proposito della purezza delle mani che intortano con tanta abilità gli Amministratori, pensando forse che questi siano imbelli.

 

E qualche volta ci azzeccano pure.

 

Perché in ballo di cose grosse nel prossimo futuro ce ne sono e forse vedere che gli eletti dal popolo sono poi malamente manovrati da Satrapi senza scrupoli né vergogna, può suscitare un po’ di preoccupazione nelle persone responsabili.

 

Tanto più che – ormai pare averlo compreso persino Nulli Rosso – è chiaro a tutti che questa Amministrazione a casa non andrà né in occasione del prossimo voto sul Bilancio, né negli anni successivi.

 

Sicchè le condizioni in cui lavora e ciò che combina non possono essere trascurate né sottovalutate, credendo magari che le urne possano a breve risolvere problemi che invece ricadono nella responsabilità della politica ed in primo luogo dei Consiglieri Comunali.

 

***

 

VercelliOggi. it è e sarà sempre gratuito. 
Per effettuare una donazione clicca: http://www. vercellioggi. it/donazioni. asp
Commenta la notizia su https://www. facebook. com/groups/vercellioggi  
Per leggere e commentare 
anche le principali notizie del Piemonte:https://www.facebook.com/VercelliOggiit-1085953941428506/?fref=ts

 

 +

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it