VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 30 novembre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
21/12/2020 - Vercelli Città - Economia

TRUCIOLI, DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI POSSONO ESSERE CONTENTI SOLO I COSTRUTTORI - Conclusione pilatesca di lavori surreali - Arpa, Asl e Comuni limitrofi esempi di vera tutela del territorio e dei cittadini - Gli altri veramente imbarazzanti

TRUCIOLI, DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI POSSONO ESSERE CONTENTI SOLO I COSTRUTTORI - Conclusione pilatesca di lavori surreali - Arpa, Asl e Comuni limitrofi esempi di vera tutela del territorio e dei cittadini - Gli altri veramente imbarazzanti

Dieci e lode ad Arpa, Asl ed ai tre Comuni di Asigliano Vercellese, Desana, Lignana.

Non valutabili gli altri, soprattutto la Provincia di Vercelli.

Una cosa imbarazzante.

Ma andiamo con ordine.

***

Più tardi potremo offrire ai Lettori ampi stralci, insieme ad interviste, su come sia andata oggi, 21 dicembre, la riunione in remoto della Conferenza dei Servizi che aveva il compito di dare o non dare e, soprattutto, a quali condizioni, il via libera all’impianto di trucioli e pallets proposto da Iren con l’appoggio di Maura Forte e della sua Giunta (non è chiaro se tutta coinvolta o meno) ed anche di Andrea Corsaro e della nuova maggioranza che regge il Comune di Vercelli.

Maggioranza, quest’ultima, a pezzi, proprio (ed anche) su questo punto.

***

Queste le posizioni in campo stamane.

Come si è detto, Arpa ha dettato prescrizioni precise e severe che, nel caso in cui la Provincia avesse inteso dare il via libera, si sarebbero dovute porre come condizione.

Condizione che, poi, sarebbe stata Asm Vercelli a dover valutare se accettare o no.

Si tratta, naturalmente, di prescrizioni severe in termini di emissioni odorigene e di ogni altro reliquato diffuso nell’ambiente, conseguente al processo di lavorazione del legno di scarto da trasformare in pallets.

***

Da subito si è capito come si fossero messe le cose.

La Provincia aveva voglia di autorizzare.

Del resto, se n’era avuta un’eco chiara dalla riunione del “Tavolo Tecnico” tenutasi giovedì scorso.

Asl, presente con la Dirigente del Sisp Virginia Silano, si è sostanzialmente allineata al parere di Arpa.

***

Ingenuo il tentativo dell’Amministratore Delegato di Asm Vercelli e uomo (sono modi di dire) di Iren a Vercelli, Roberto Conte (che, a sentire chi era presente, a tratti, udendo il parere di Arpa, era nervosetto), di spostare l’attenzione, con un espediente verbale miserando, dai “limiti” dettati da Arpa a “valori obbiettivo” come avrebbe desiderato Corso Palestro.

Par di capire: se ci date dei limiti fatichiamo a starci, mentre se, tutti insieme, gioiosamente, ci diamo degli obbiettivi, ce ne possiamo poi fregare tranquillamente, tanto si sa come vanno le cose.

***

Le cose, ora, potrebbero andare come potrebbe desiderare Iren, perché la Provincia ha adottato quella che – nelle dichiarazioni – è una decisione “salomonica”, ma che in realtà pare “pilatesca”.

Cioè: prendiamo per buoni i volori “limite” prescritti da Arpa (che, peraltro, sono una vera garanzia per i cittadini, la salute della gente, la qualità della vita in questa zona) ma li spostiamo più in là.

Cioè?

Si tratta di questo: lasciamo che Asm costruisca lo stabilimento (e sarà finito nel 2023) e poi, lungo un anno, facciamo delle prove per verificare che stiano dentro i limiti posti da Arpa.

***

Soluzione pilatesca perché non sfugge a nessuno come – a stabilimento edificato e funzionante e, soprattutto, con le maestranze assunte – di nuovo potrebbe riproporsi il volgere ricatto occupazionale, già proditoriamente messo in atto quando la stessa compagnia di giro aveva proposto lo spettacolo del Forno di Incenerimento.

Chi era per la difesa dell’ambiente e dei cittadini era fatto passare come nemico del popolo e dei lavoratori.

Meglio difendere 30 posti di lavoro e che tutti gli altri morissero pure di cancro.

Oggi passa sostanzialmente una logica che potrebbe essere foriera di questi rischi.

Anche se, visto che lo stabilimento sarà edificato, sarà contento il Club del mattone.

***

Il rilascio dell’autorizzazione – da parte della Provincia – entro la metà di gennaio 2021.

***

Oggi si è comunque avuto un bell’esempio di cosa voglia die tutelare la salute dei cittadini ed il territorio.

Sia l’Arpa, sia l’Asl ed i Comuni di Asigliano, Lignana, Desana, lo hanno fatto.

In particolare i tre Comuni confinanti, per bocca di Lillo Bongiovanni, Vice Sindaco di Asigliano e delegato, hanno formalmente espresso voto contrario.

Sapranno gli altri perché si sono voluti differenziare da questa impostazione.

Si tornerà presto, comunque, nelle prossime ore, sull’argomento.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it