VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
25 June 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
02/10/2018 - Vercelli Città - Economia

VERCELLI TERRA DELLA LOGISTICA? - Dubbi sulla maxioperazione avvolta dal riserbo più assoluto, che sacrificherebbe gli ultimi 500 mila metri quadri dell'area vicina ad Amazon

VERCELLI TERRA DELLA LOGISTICA? - Dubbi sulla maxioperazione avvolta dal riserbo più assoluto, che sacrificherebbe gli ultimi 500 mila metri quadri dell'area vicina ad Amazon
I leader di Prologis -

Potrebbe avere finalmente un nome il fantomatico maxi operatore economico interessato ai 500 mila metri quadri attigui a quelli di Amazon, nell’area Pip Roggia Molinara.

Si tratterebbe (sono indiscrezioni trapelate da ambienti qualificati) del multibrand Prologis.

https://www.monitorimmobiliare.it/video/la-logistica-e-ripartita-sandro-innocenti_201712301818

 

Il video è di ottobre 2017 e questo fa pensare, quando si parla di imminenti progetti.

Parla di “consegnare” immobili, quindi sembra proprio che non siano industriali, ma mediatori immobiliari.

Il nome dice molto di questa multinazionale, che ha per Country Manager Italia il notissimo Sandro Innocenti, di cui l’Azienda stessa dice:

Prima di occuparsi del settore immobiliare, Sandro Innocenti ha lavorato per 3M e successivamente per Imation Europe, dove ha ricoperto la carica di responsabile acquisti a livello europeo presso il quartier generale di Rotterdam e Schiphil Rjik. Ciò ha comportato il suo trasferimento in Olanda per 5 anni dal 1997 al 2002.

A partire dal 2003 ha ricoperto la carica di Amministratore Delegato di Eurinpro per 2 anni , di Parkridge Italia per 1 anno e infine di Direttore Generale per Panattoni Italia per 6 anni.

Per queste tre società ha curato lo start-up del business in Italia.

Nel 2005/2006, inoltre, è stato direttore commerciale di GSE Italia.

Prima di entrare in Prologis nel 2014, è stato Development Manager presso Vailog.

Dal Luglio del 2014 ricopre il ruolo di Senior Vice President, Country Manager Italia”.

***

Dunque ancora operatori immobiliari.

Se si confermassero queste ipotesi, tuttavia, la realtà potrebbe presentare e prestarsi a considerazioni non univoche.

La prima: siamo davvero sicuri che Vercelli debba consacrarsi alla logistica?

Perché quei 500 mila metri quadri dell’area Pip Roggia Molinara sono gli ultimi.

E si sa che ci sono altre aziende interessate.

E’ ovvio che – con tutto il rispetto per la logistica – i posti di lavoro non solo si contano, ma si “pesano”.

Quali contratti applicherebbero le aziende che porterebbe qui Prologis?

Ci dovremmo aspettare altro lavoro interinale?

Altri contratti – sia pure nazionali e collettivi – nel settore logistica?

***

La seconda: se ci sono altre imprese interessate all’area, è ovvio che il rapporto tra domanda ed offerta è e deve essere dinamico e trasparente – trattandosi di terreni di proprietà di un Ente Pubblico, quale è ancora il Comune di Vercelli – sicchè occorre che la loro ( dei terreni ) assegnazione avvenga mediante procedure ad evidenza pubblica.

Secondo modalità di gara che, in questo caso, dovrebbero essere misurate sul prezzo del terreno.

Vi interessa il mio terreno? Chi offre di più?

Dove la nozione di “offerire di più” non può (lo è stata nel caso di Amazon) misurarsi sul numero di posti di lavoro: anche perché poi nessuno li controlla davvero.

Ad esempio: qualcuno sa quanti sono i residenti in Vercelli che effettivamente sono assunti a tempo pieno ed indeterminato direttamente da Amazon?

Non lo sa – che noi si sappia – nemmeno il Santo Padre Eterno.

Soprattutto: nessuno ne chiede conto, almeno per ora.

***

La terza: siamo sicuri che le cose stiano avvenendo – non diciamo ancora con la necessaria trasparenza, ma – con la necessaria condivisione?

Perché 500 mila metri quadri di terreno industriale sono un valore di (almeno) 14 euro x 500 mila, uguale a 7 milioni di euro.

E se uno offrisse un rialzo del 5 per cento, sarebbero 350 mila euro, per esempio.

Ma soprattutto: chi ha deciso in Comune che gli ultimi 500 mila metri quadri debbano andare di nuovo alla logistica?

***

Facciamo un esempio concreto.

Non lontano da quell’area c’è l’area ex Nord Ind spa

La Nordind è fallita.

Altra grana che si è trovata questa Amministrazione, lasciata dalla Giunta di Andrea Corsaro.

Il Curatore Fallimentare di Nordind spa è un Commercialista dello Studio Marnati di Novara.

Se il Curatore volesse vendere quei terreni, a tutela dei diritti dei creditori di Nordind, dovrebbe procedere ad un’asta pubblica.

Cioè dire: Signori cari, io ho i terreni da vendere, interessano a qualcuno?

E se interessano, chi offre di più?

E allora ci potrebbe essere qualche bello spirito che dice: ma guardi Signor Curatore, noi ti offriamo meno euri, però ti diciamo che un domani, tra 10 anni (sono i tempi del contratto Amazon) avremo a regìme tanti bei posti di lavoro.

Ed il Curatore, che vuole continuare a curare ancora per un bel po’, se è tanto educato direbbe, senza muovere un sopracciglio, no grazie.

Se è un po’ più burlone gli riderebbe proprio in faccia.

***

Di tutto questo in Comune, ovviamente, non sa il solito tubo di niente nessuno, in attesa forse che arrivi scodellata una soluzione gradita  a chissà chi.

Come finirà?!

Mah.

 

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020- Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it