VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Cuneo
Meteo.it
Borsa Italiana
16 February 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Dettaglio News
08/02/2019 - Vercelli Città - Enti Locali

VERCELLI, BIOGAS BEN OLTRE LA PUZZA - O hanno ragione Ferlin e Bombardieri, o ha ragione Maura Forte - Il Sindaco di Vercelli ha detto la verità, oppure ha mentito ai cittadini?

VERCELLI, BIOGAS BEN OLTRE LA PUZZA - O hanno ragione Ferlin e Bombardieri, o ha ragione Maura Forte - Il Sindaco di Vercelli ha detto la verità, oppure ha mentito ai cittadini?

A ben vedere, c’è qualcosa di shakespeariano in questa storia.

La storia di persone, un’Impresa, la Polioli Bioenergy srl, che vuole piazzare un “digestore” di rifiuti organici dove ora c’è il compendio Polioli.

Una cosetta da 105 mila tonnellate l’anno di “sghinga”, come si dice in vernacolo.

Per produrre Biogas, Biometano.

Dove il prefisso fascinoso e politicamente corretto “Bio” è piazzato lì per dire che anche la puzza, in fondo, è naturale.

***

Questi Signori della Polioli, Fabrizio Ferlin e Giacomo Bombardieri sanno già anche che venderanno il gas ai francesi che hanno opzionato l’area Pip vicino ad Amazon ed alla stessa Amazon.

Sanno un sacco di cose, hanno già tutto previsto e programmato.

Ma.

Ma nessuno, né in Atena, né in Comune di Vercelli e nemmeno Iren, sembra saperne nulla.

Ma andiamo con ordine.

***

Dunque, come nella “Orazione in morte di Cesare”, a qualcuno potrebbe sovvenire quell’artificio retorico di Antonio che enumera le incoerenze di Bruto: ha brandito anch’egli il pugnale contro Cesare.

Il popolo è disorientato: anche Bruto? Perche?

E così Antonio chiosa ogni locuzione, avendo cura di mitigare la contraddizione apparente, nella condotta del giovane rampante, tra fini dichiarati e quelli reali, ricorrendo a quell’asserzione rimasta immortale:”Ma Bruto è un uomo d’onore”.

Come dire: sì, potrebbe anche sembrare che dicesse una cosa per farne poi un’altra, che non dicesse la verità, ma chi mai potrebbe dubitare della sua parola?

Perché Bruto è un uomo d’onore.

Sappiamo come vadano poi le cose.

***

Miasmi graveolenti dall’area Polioli non ne provengono ancora, anche perché l’impianto di Biogas è ancora da realizzare, è solo di carte.

Carte che hanno una data, come vedremo.

Ma la questione manda già un cattivo odore.

Odore di verità taciute all’opinione pubblica.

Odore di contraddizioni che emergono tra le versioni date da Ferlin e Bombardieri e quelle che, invece, ufficiali, giungono da Palazzo Civico e da Iren.

Sicchè, delle due l’una: o non dicono la verità i due Manager di Polioli Bioenergy, oppure non la dice il Sindaco di Vercelli.

Perciò sarà importante cercare di metterla in luce, la verità: un’occasione propizia potrebbe essere la già convocata riunione della Quinta Commissione permanente del Consiglio Comunale, che si riunirà il prossimo 12 febbraio.

 

MAURA FORTE E FABRIZIO FERLIN

DICONO COSE DIVERSE

 

Vediamo, intanto, quali siano e dove stiano le differenze tra le due versioni.

Non si può, infatti, dire di “una” storia del progettato impianto di Biogas: le versioni sono almeno due, o tre, contando anche quella di Iren.

***

Anzitutto, qualche chiarimento preliminare, utile ad inquadrare correttamente il contesto.

La versione dei fatti resa da Ferlin e Bombardieri, è evidentemente la “loro” versione dei fatti.

Quindi, la responsabilità di ciò che dicono è solo loro.

Che lo abbiano effettivamente detto, invece, non c’è nessun dubbio possibile.

Lo hanno detto – e questi lo hanno riferito agli Organi di Informazione subito dopo – di fronte a ben cinque Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni.

Può essere utile leggere il nostro precedente articolo, citato tra quelli ad inizio pagina “potrebbe interessarti anche”.

Si tratta del Presidente della Provincia di Vercelli, Carlo Riva Vercellotti, con Pier Mauro Andorno, Consigliere Provinciale.


Con loro Dirigenti e Tecnici dell’Ente: Piero Vantaggiato, Responsabile dell’Ambiente.

 

Con lui i suoi Collaboratori: Elena Zarantonello, che cura il segmento “Raccolta rifiuti” e Claudio Mombelli, responsabile delle procedure “Via” cioè Valutazione di Impatto Ambientale.

 

***

 

Detto e chiarito tutto questo, vediamo le differenze nella ricostruzione dei fatti che hanno portato alla presentazione del progetto: Biogas a Vercelli, letamaia di Iren per tutta la Pianura Padana.

***

MA MAURA FORTE È PERSONA D’ONORE / 1

 

Il 23 gennaio scorso da Palazzo Civico è diramato questo comunicato, che integralmente riportiamo, con un’ulteriore precisazione di metodo: è chiaro che un testo del genere sia stato analizzato parola per parola, prima di essere diffuso.

Quindi ne è non solo superflua, ma indebita, ogni interpretazione: va preso alla lettera.

***

 

“Apprendo stamane dagli organi di stampa che è stato presentato all’Amministrazione provinciale un progetto che porterebbe nella zona industriale a ridosso della Città una quantità notevole di rifiuti giornalieri provenienti da altre zone del Piemonte e forse da Torino.

Chiarisco immediatamente che l’Amministrazione è nettamente contraria a questa iniziativa se le condizioni sono quelle che per ora ho appreso solo da fonti indirette.

Posso garantire che questa Amministrazione salvaguarderà la salute dei cittadini e l’ambiente sempre e comunque, evitando che eventuali emissioni sgradevoli e maleodoranti possano influire negativamente sulla vita quotidiana dei Vercellesi.

Maura Forte”

***

Dunque il Sindaco di Vercelli apprende “stamane”, cioè il 23 gennaio scorso, dagli Organi di informazione, del progetto.

Così stando le cose, vorrebbe dire che non ha letto La Stampa del giorno precedente, 22 gennaio, e nemmeno la locandina alla porta di ogni edicola, che per prima annuncia, titolando l’articolo puntuale e molto documentato del valente Collega Roberto Maggio: Vercelli capitale del Biogas.

***

Non hanno letto La Stampa né il Sindaco, né Carlo Fizzotti che cura la rassegna stampa quotidiana per Sindaco e Assessori, nemmeno nessun Assessore e Consigliere di maggioranza che siano corsi ad avvisare il Primo Cittadino di ciò che stesse bollendo in pentola.

Non deve avere letto il giornale, infine, nemmeno Pino Scaramozzino, Dirigente all’Urbanistica e Ambiente, che forse qualche ragione per avvisare urgentemente il proprio Assessore (la stessa Forte) della notizia.

E’ una cosa difficile da credere, ma… Maura Forte è persona d’onore.

***

MAURA FORTE È PERSONA D’ONORE / 2

E’ ancora il testo del comunicato a dover essere preso in esame.

Laddove si scrive: ”è stato presentato all’Amministrazione provinciale un progetto”.

In realtà, presso tutti gli Enti che fanno parte della cosiddetta “Conferenza dei Servizi”, l’Organo Tecnico di indirizzo cui compete il rilascio delle autorizzazioni, il giorno 21 dicembre 2018 è stata protocollata la richiesta, da parte di Polioli, di avvio del procedimento.

Bisognerebbe pensare che – dal 21 dicembre al 23 gennaio – cioè in 32 giorni, nessuno abbia avvisato che questa “bomba ad orologeria” fosse già in Comune. 

Ma, a diradare ogni nebbia, la circostanza ulteriore e definitiva: il 16 gennaio 2019 la Provincia ( i cui Uffici, va ricordato, sono del tutto chiusi per tutto il periodo natalizio e di fine anno ) invia a tutti gli Enti coinvolti nel procedimento la convocazione della Conferenza dei Servizi, per il successivo 20 febbraio. 

La ricevuta al protocollo Asl, Arpa e Comune è del giorno 21 gennaio. 

Quindi il 21 gennaio arriva in Comune la convocazione, con tutto il corposo corredo di documenti e - nemmeno in quella occasione - nessuno sarebbe saltato dalla sedia ad avvisare il Sindaco, che solo il 23 gennaio deve dire di essere a conoscenza della cosa a mezzo stampa.

Nessuno dovrebbe averne avvisato Pino Scaramozzino e questi non dovrebbe avere avvisato Maura Forte.

È una cosa assolutamente difficile da credere, ma… Maura Forte è persona d’onore.

***

MAURA FORTE È PERSONA D’ONORE / 3

Sono ancora le (soppesate) parole di Sindaco a dover essere lette.

Siamo al secondo capoverso, in cui il Primo Cittadino si dice contraria al progetto: “se le condizioni sono quelle che per ora ho appreso solo da fonti indirette”.

***

La comprensione delle cose si fa sempre più difficile, anche perché non si comprenderebbe perché il Sindaco, che ha da più di un mese l’istanza negli Uffici di Scaramozzino, il giorno 23 gennaio (dopo che il 22 precedente La Stampa lo ha già scritto) quando il “caso” è già scoppiato, possa avere ancora informazioni sul punto da “fonti indirette”. 

Il Sindaco sarebbe costretta ad informarsi - il 23 gennaio - da "fonti indirette", quando almeno dal 21 gennaio ha tutto il progetto negli Uffici del Comune.

Vorrebbe dire che, nemmeno in quella convulsa giornata, Pino Scaramozzino sarebbe andato a riferire, ad informare.

Sicchè quella cautela “se le condizioni sono quelle” delle Fonti indirette, potrebbe suonare – all’uditore malizioso – come una porta aperta o almeno socchiusa, qualora, quando finalmente il progetto potesse essere esaminato nelle sue carte reali, disvelasse suggestivi ulteriori elementi di giudizio.

Resta difficile da credere che – avendo già tutti gli Atti che servono, presentati da Polioli – in Comune da più di un mese - e comunque a Conferenza dei Servizi già convocata, con nota protocollata il 21 gennaio precedente - ancora il 23 gennaio il Sindaco debba sapere elementi tecnici “da fonti indirette”.

E’ una cosa difficile da credere, ma… Maura Forte è persona d’onore.

***

MAURA FORTE È PERSONA D’ONORE / 4

Fin qui le contraddizioni apparenti tra ciò che è stato e le parole scritte del Sindaco.

Ora si aprono i capitoli delle contraddizioni tra ciò che dicono Ferlin e Bombardieri e quanto, invece, sostiene Maura Forte.

Perché i due Dirigenti di Polioli, di fronte a cinque Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni, sostengono: qualche incontro con il Comune l’abbiamo fatto.

***

La domanda era stata posta dai cinque rappresentanti della Provincia, presenti all’incontro di martedì scorso.

Incontro richiesto da Polioli.

I cinque hanno esposto una perplessità che è di molti: ma possibile che di un progetto del genere, che porta qui 105 mila tonnellate l’anno di rifiuti organici da tutta la Pianura Padana, non abbiate parlato al Comune?

In fondo tutta la vicenda Polioli è stata oggetto di trattative sindacali in buona parte condotte in Sala Giunta (ndr).

È stato il Comune a dire in più occasioni di avere propiziato l’incontro di Iren con la nuova società per progetti futuri (ndr).

E voi non ne avete parlato mentre istruivate la pratica?

Centocinquemila tonnellate di rifiuti ad un passo da Vercelli?

***

Qui Ferlin e Bombardieri sono chiari: qualche incontro con il Comune l’abbiamo fatto.

Con chi si sono incontrati?

Con il Signor Eusebio, solerte Commesso del primo piano?

Qualche incontro: quindi più di uno o due.

Con chi?

Possibile che in Comune nessuno ne sappia niente?

E, se tra i presenti / assenti del Comune, non figurasse il Sindaco, possibile che nessuno sia corso ad avvisarla?

O dice la verità Polioli o dice la verità Maura Forte.

Ma… Maura Forte è persona d’onore.

***

MAURA FORTE È PERSONA D’ONORE / 5

Siamo al capitolo Atena Asm.

Perché, anche a questo riguardo, Ferlin e Bombardieri, di fronte a cinque Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni, sono espliciti: siamo andati da Atena, ma ci hanno mandato da Iren.

***

In effetti, l’impegno di conferire almeno 70 mila delle 110 mila tonnellate annue di rifiuti da lavorarsi qui a Vercelli è di Iren Ambiente, a firma di Roberto Paterlini, Amministratore Delegato.

La lettera di Paterlini è del 9 novembre 2018.

Perciò l’incontro tra Asm Atena e Polioli dev’essere necessariamente precedente.

In questo caso, bisognerebbe credere che il Presidente di Asm, nominato dal Comune, Sandro Baraggioli, non ne fosse stato informato.

E, se, invece, informato, non fosse corso dal Sindaco a dire qualcosa del genere: guarda, Maura, che vogliono fare una centrale a Biogas così e cosà, proprio qui a Vercelli.

Che ne pensi?

***

Sono cose difficili da credere, ma… Maura Forte è persona d’onore.

***

MAURA FORTE È PERSONA D’ONORE / 6

Che fare, poi, di questo biogas prodotto nel territorio comunale di Vercelli?

Sempre di fronte a cinque Pubblici Ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni, Ferlin e Bombardieri dicono: lo portiamo (nelle reti di Atena Asm) in area Pip, per venderlo ad Amazon ed alle nuove iniziative portate qui dagli intermediari francesi di Lione.

Sicchè bisognerebbe credere che fossero stati capaci, senza la presentazione di nessuno del Comune di Vercelli, di 1) sapere chi fossero i Lionesi, tenuti nascosti persino ai Consiglieri Comunali; 2) avessero con loro saputo i fabbisogni energetici delle Imprese che nessuno ancora oggi sa quali siano; 3) avessero già almeno ipotizzato accordi commerciali utili ad esitare i volumi di biometano prodotti dai rifiuti.

***

Anche queste sono cose difficili da credere, ma… Maura Forte è persona d’onore.

***

MAURA FORTE È PERSONA D’ONORE / 7

Infine, il capitolo che forse è il più bisognoso di essere messo a fuoco nei suoi aspetti reali.

Perché in molti parlano di un non meglio definito sopralluogo di Maura Forte, accompagnata da Pino Scaramozzino ed esponenti di Iren, all’impiando di Biogas (analogo – non uguale: analogo) a quello progettato per Vercelli, attivo da tempo in Trentino, a Cadino, di proprietà dell’Azienda Cesaro Mac Import.

***

Sarà soprattutto Pino Scaramozzino – nella sua qualità di dipendente della Pubblica Amministrazione – a voler chiarire se effettivamente sia andato (per poi tornare riportando curiosi particolari sul sopralluogo) a vedere l’impianto.

Se in quel giorno risultasse, agli Atti di Palazzo Civico, in missione, oppure in ferie.

Se fosse – eventualmente – vera la trasferta, sarebbe difficile credere che nessuno sapesse perché Iren avesse organizzato quella visita nella tarda Primavera – Estete scorsa.

Difficile da credere, ma… Maura Forte è persona d’onore.

***

Dunque sono almeno questi sette i capitoli che potranno essere chiariti martedì prossimo in Commissione, sapendo che la questione va ben oltre il merito: biogas sì o no.

La questione è ormai trasferita su tutto un altro piano: Maura Forte ha detto la verità, oppure il Sindaco di Vercelli ha mentito ai cittadini?

Si tratterebbe di una storia completamente diversa.


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
CuneoOggi.it - Network © - Blog
Piemonte Oggi s.r.l. - P.I./C.F. 02547750022 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@cuneooggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it